Michael Jackson non è il padre biologico del piccolo Blanket

By on aprile 20, 2012

foto Matt Fiddes, bodyguard di Michael JacksonTorna in questi giorni a far parlare di sé, e non solo, Matt Fiddes, insegnante di arti marziali ed ex guardia del corpo di Michael Jackson quando il cantante era all’opera nel Regno Unito. Il trentaduenne britannico, infatti, da anni sostiene di essere il padre biologico del piccolo Blanket, l’ultimo nato in casa Jackson, il cui vero nome è Prince Michael Jackson II. Dal 2009, anno in cui è morto il re del pop, Fiddes avrebbe ripetutamente tentato di contattare la famiglia del cantante, senza mai ricevere una risposta. Si riaccende, così, la questione sulla dubbia paternità di Jacko nei confronti dei suoi tre figli – sono infatti tutti e tre bianchi – e in particolare dell’ultimogenito che, stando a quanto dice l’ex bodyguard, sarebbe stato concepito con il suo seme nel 2001.

Matt Fiddes si dice pronto a sottoporsi al test del DNA e a intraprendere un’azione legale affinché gli siano riconosciuti i suoi diritti. «Voglio avere il diritto di visita. Michael è suo padre e non voglio cambiare questa sua certezza, ma desidero che il bimbo faccia parte della mia vita». Fiddes racconta che lo stesso Michael avrebbe ammesso di non essere il padre biologico del piccolo: «Mi sono seduto e gli ho chiesto “Blanket è mio figlio?” e lui ha risposto “E’ mio figlio, ma ho usato il tuo sperma per farlo nascere”. Ho cercato di mettermi in contatto con la famiglia Jackson dopo la morte di Michael, ma non mi hanno mai degnato di una risposta. Ora mi sono rivolto al tribunale per godere dei miei diritti».

L’uomo aggiunge di aver anche rifiutato 300mila sterline, offertegli  dalla defunta popstar per mantenere il silenzio. Tuttavia il tabloid inglese The Sun fa notare come queste nuove dichiarazioni di Fiddes siano in contraddizione con quelle rilasciate nell’agosto del 2009, quando aveva affermato «Michael non mi ha mai detto di persona che Blanket è mio figlio, ma ha preso il mio seme e il bimbo è la mia immagine perfetta».

La stessa nonna del piccolo, Katherine Jackson, che ha in custodia il nipotino, starebbe facendo di tutto per impedire al presunto vero padre di incontrare il bambino, probabilmente temendo che sia uno speculatore alla ricerca di fortune. Ma Fiddes dice di non essere nemmeno lontanamente interessato all’eredità del piccolo Jackson: «Se lui è mio figlio, tutto ciò che voglio è poterlo vedere, portarlo fuori e passare un po’ di tempo con lui. Mia madre sta morendo di cancro. Più di qualunque altra cosa, io voglio che lei veda Blanket». 

About Tommy Tenerelli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *