“Mistero” ritorna senza Raz Degan: un vuoto da colmare

By on aprile 27, 2012
zDC_6357-e1315752641506

text-align: justify”>misteroE con terribili profezie, oscure leggende, arcani segreti, ecco che anche quest’anno va in onda la nuova edizione di Mistero. La squadra costituita da Jane Alexander, Daniele Bossari, Andrea Pinketts, Marco Berry e Nicole Pelizzari è riconfermata, ma accanto a loro vediamo spuntare un nuovo elemento, Paola Barale,  compagna di Raz Degan. Per gli spettatori più freschi e con poca esperienza dell’ignoto alle spalle, ricordiamo che il modello israeliano ha avuto la conduzione della trasmissione negli ultimi due anni. Perché ha perso il controllo? Semplice, il suo italiano andava troppo di pari passo con il tema principe del programma – il mistero – e creava un’insostenibile concorrenza con i servizi mandati in onda. Ma è inutile dire che ai più fedeli mancherà di certo il povero Degan: adesso chi farà riferimento all’avvistamento di un ufi? Chi omaggerà la lingua italiana con frasi del tipo “A che cota lavorano questi aerei? E como mai non si vedono ne lo radar?” o “Il giornate sono sempre più corti, anche se sono la solita 24 ora..”?. Peccato. In molti coltivano la speranza che Paola Barale abbia imparato da lui – data l’invidiabile possibilità – quel po’ di frasi sgrammaticate che hanno riempito le ultime due edizioni di questo programma, ma purtroppo – almeno durante la prima puntata andata in onda – la conduttrice non ha dato grandi soddisfazioni. Speriamo in miglioramenti futuri.

Se nel frattempo la Barale dovrà adeguarsi, il resto del cast è ormai navigato, e son tutti entusiasti di tuffarsi in nuove ed emozionanti avventure. Particolarmente interessante è stata la missione che ha visto protagonista Bossari ‘lo scavatore’, che ha cercato di svelare i segreti rinchiusi nella cripta della Chiesa di San Francesco a Camerano. Ormai siamo abituati a vederlo incastrato nei meandri di qualche grotta dispersa nel mondo e lui, da parte sua, sta diventando un vero professionista di pala e piccone, quasi irriconoscibile senza un caschetto da minatore sul capo che gli permetta di esplorare sotterranei di vario genere.

Daniele Bossari

Se possibile, però, ancora più bella si è rivelata l’ipnosi di cui è stata vittima Jane Alexander. Una scena spettacolare, bellissima e notevolmente rumorosa, dati gli strani versi che emetteva il suo ipnotizzatore, tanto che è stato difficile capire se l’uomo stesse cercando di effettuare il suo esperimento sulla conduttrice o se stesse incorrendo in un’auto-ipnosi. Qualora ve la foste persa, il nostro sentito consiglio è quello di andare a ricercare il video: una scena da far venire le lacrime agli occhi.

Ma durante la prima puntata non hanno fatto ovviamente attendere l’argomento più ricercato degli ultimi anni: la fine del mondo professata dai Maya. Perché, ebbene sì, siamo giunti al tanto atteso 2012, l’anno in cui “qualcosa dovrà accadere”. Inviata a New York è Rachele Restivo – ex ‘Oracolo’ del programma – poco riconoscibile in jeans e felpa, che affronta proprio questo delicato tema: cosa avverrà nel 2012? Ci sarà la fine del mondo, o un profondo rinnovamento spirituale?  E’ una problematica che sembra interessare anche l’FBI che, captando i ‘suoni dell’Apocalisse’, ha intanto aperto un fascicolo a riguardo. Ma abbiamo ancora un po’ di tempo e, nell’attesa del 21 Dicembre, possiamo metterci comodi e goderci la nuova e promettente edizione di Mistero.

About Vanessa Colella

Nata a Roma nel 1989, ha conseguito la laurea triennale in Scienze Statistiche presso la “Sapienza”, e sta proseguendo i suoi studi con la laurea specialistica in “Statistica, assicurazioni e finanza”. Si è inoltre diplomata presso l’accademia di Roma “La maschera in soffitta”, prendendo successivamente parte ad alcuni spettacoli teatrali. Ama leggere i gialli e soprattutto d’estate…altrimenti lo studio passa totalmente in secondo piano.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *