NCIS Los Angeles, Il lupo solitario: riassunto puntata venerdì 20 aprile

By on aprile 21, 2012

text-align: justify”>Continuano a mietere successo e a riscuotere buoni ascolti le mirabolanti ed intriganti avventure della squadra NCIS: Los Angeles. La serie televisiva statunitense, creata nel 2009 da Shane Brennan e nata come spin-off della fortunata serie NCIS – Unità anticrimine, regge il confronto con le dirette concorrenti nella prima serata del venerdì sera, registrando uno share che tiene la media della rete che lo ospita, ovvero Raidue. Il telefilm rappresenta uno dei più riusciti drammi polizieschi dell’ultimo decennio, nonostante riprenda in molti suoi aspetti proprio la serie da cui è derivata. Certo, non è sempre detto che uno spin off, ovvero un telefilm ricavato mantenendo l’ambientazione di fondo della serie originaria, prendendo un personaggio secondario o minore e facendone il protagonista della narrazione, riscuota lo stesso successo del prodotto madre da cui è generato; ma proprio questo è stato il caso di NCIS: Los Angeles che ha preso in toto il testimone da NCIS – Unità anticrimine, presentandosi anch’esso come un prodotto intrigante, avvincente e sicuramente ben fatto, che è riuscito a conquistare una buona fetta di telespettatori.

Foto da NCIS Los Angeles

Immagine 1 di 6

Foto da NCIS Los Angeles

I casi in cui si ritrovano invischiati gli agenti speciali Callen (Chris O’Donnell) e Hanna (LL Cool J.) che lavorano nell’OSP, l’ufficio progetti speciali dell’NCIS, con il compito di catturare criminali pericolosi e sfuggenti che rappresentano una minaccia per la sicurezza della nazione, diventano di puntata in puntata sempre più avvincenti. Assumendo spesso false identità, i due agenti speciali, assieme alla loro squadra altamente addestrata, utilizzando la tecnologia più avanzata, agiscono sempre sotto copertura, mettendo frequentemente a rischio la vita dei suoi membri, pur di raggiungere il risultato prefissato, colpire i suoi obiettivi, catturare i cattivi e riportare un po’ di giustizia per le strade di Los Angeles. Nella puntata andata in onda ieri sera, 20 aprile, in prima serata su Raidue, dal titolo Il lupo solitario, proprio i due agenti, assieme alla loro squadra di investigatori, hanno indagato sull’omicidio di una donna, un’ ex ufficiale della Marina americana diventata operatrice di pace. Il marito della donna, un uomo di nome Cliff, inerme di fronte alla morte della sua consorte, non poteva credere a quanto fosse accaduto alla propria donna: chi poteva volere l’uccisione di sua moglie, un’innocua donna impegnata in alcune ricostruzioni di alcuni edifici in Afghanistan? Il comandante delle operazioni, Hetty (Linda Hunt), intanto aveva scoperto che in realtà che proprio la vittima, prima dell’uccisione, stava lavorando in gran segreto con una sua vecchia conoscenza, Larry Basser, ex NSA. Quest’ultimo, interrogato da Hetty, si è dimostrato fin da subito pronto a chiarire la sua posizione e ad aiutare con ogni suo mezzo la squadra degli investigatori per arrivare alla verità circa l’uccisione della donna. In realtà, questo sua atteggiamento remissivo e questa sua disponibilità erano mera facciata per nascondere quelli che sono i suoi veri intenti, ovvero eludere le indagini e farla franca.

About Maria Rosa Tamborrino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *