Sky, l’intrattenimento a tutta sitcom: perchè la tv generalista l’ha abbandonata?

By on aprile 6, 2012
Foto Friends

text-align: center”>Che fine ha fatto la sitcom?

Dal lunedì al venerdì Fox Italia ospita Fox and Friends, una fascia che a partire dalle ore 22.45 ospita le ultime situation comedy provenienti dagli Stati Uniti d’America: il fiore all’occhiello della programmazione è sicuramente la terza stagione di Modern Family, che attraverso la tecnica del mockumentary – il finto documentario – racconta le vicende di tre nuclei familiari parenti tra loro, ma le altre produzioni non sono da sottovalutare. Se Cose da uomini piacerà ad un pubblico non solo maschile, Aiutami Hope! racconta la divertente esperienza di un ragazzo diventato padre dopo una notte d’amore con una serial killer ricercata per tutta la Nazione.

Happy Endings possiamo invece considerarla la rivisitazione contemporanea di Friends: il telefilm parte da una coppia che si dice addio sull’altare e dovrà ricominciare una vita supportata dagli amici di sempre. Si segnala per la presenza di Damon Wayans jr  – suo padre era il signor Kyle di Tutto in famiglia – e di un personaggio gay decisamente fuori dallo stereotipo. Completa il poker New Girl, all’esordio la comedy più vista di Fox degli ultimi dieci anni, in cui la protagonista è una ragazza mollata dal fidanzato fedifrago che decide di andare a convivere con tre ragazzi abbastanza bislacchi.

Il molteplice appuntamento risulta l’ideale per trasformare una sonnacchiosa serata in un momento all’insegna dell’allegria  ma Fox ha costruito da anni il suo palinsesto sulla massiccia presenza della sitcom, contando anche i canali Fox Life, Fox Retro e Comedy Central: il già citato Tutto in famiglia, Will & Grace, I Simpson rappresentano gli evergreen della rete e garantiscono 24 ore di spensieratezza, ma dobbiamo porci un quesito: come mai la tv generalista ha fatto sparire un genere che andava per la maggiore negli anni Novanta?Ma ve le ricordate le prime serate del lunedì sera a base di Friends contemporaneamente per un periodo  in onda su Rai2 e Italia Uno?

aiutami-hope

E alle 19 di sera non c’era pomeriggio senza Will & Grace ma anche senza La tata, Dharma & Greg, gli Otto sotto un tetto. Alle prime e tarde ore del mattino, Canale 5 programmava ripetutamente I Robinson, icone del decennio precedente. Adesso costituiscono la punta di diamante della programmazione serale di K2, canale dtt rivolto ai ragazzi. Le restanti comedy fungono da riempitivo nei palinsesti della tv generalista o restano appannaggio della fascia notturna per telespettatori insonni. Eppure hanno dato risultati soddisfacenti nelle poche occasioni durante le quali la tv ha provato a far rinascere il genere.

L’anno scorso un grande successo ha ottenuto How I met your mother, il telefilm del primo pomeriggio di Italia Uno che ha abituato la rete spesso al dieci per cento di share. I Simpson vengono ancora erroneamente considerati un cartone per bambini, ma loro sono di un altro pianeta: da anni assicurano ascolti stellari, ieri per esempio più del tredici per cento. La situazione si complica alle 17 quando scende in campo La vita secondo Jim (intorno al sette), ma peggio ha fatto uno dei marchi storici come Tutto in famiglia, fino alla scorsa settimana inchiodato alle 19 al 4 per cento, ma qui c’è da dire che la concorrenza è feroce, tra quiz, isole e G’Day.

Al di là degli ascolti – ad andare peggio sono tuttavia le produzioni italiane considerate spesso come riempitivi – occorre che la tv generalista riscopra il genere della situation comedy, che ultimamente si è riversato tutto sul satellite. Il preserale di Rai2 e Italia Uno deve tornare il regno di queste serie anzichè dei polizieschi o dei crime (ma non c’è già troppa cronaca nera?). E mai come in un contesto di crisi, il telespettatore non deve assolutamente perdere il diritto al sorriso.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *