Calcio: la Rai ottiene i diritti per 90′ Minuto e Domenica Sportiva. In forse Quelli che il calcio

By on maggio 29, 2012

text-align: center”>La Rai ottiene i diritti sportivi per la serie A

Nella giornata in cui l’inchiesta della Procura di Cremona sul Calcioscommesse è sfociata in una raffica di arresti e avvisi di garanzia disposti nei confronti di nomi eccellenti del nostro calcio, per gli affezionati di programmi sportivi storici, come 90° minuto e La Domenica Sportiva, è arrivata una buona notizia. La Rai ha raggiunto un accordo con la Lega Calcio, riuscendo ad accaparrarsi i diritti tv sugli highlights in chiaro: una decisione che consentirà la sopravvivenza di trasmissioni sportive che sembravano destinate a sparire dai nostri schermi. Nella giorata di ieri il presidente Maurizio Beretta ha annunciato l’intesa triennale raggiunta con Viale Mazzini per le stagioni 2012-13, 2013-14 e 2014-15: l’offerta presentata dalla tv di Stato per la fascia dalle 18.15 in poi e per i diritti radiofonici, per un totale di 14,5 milioni per tre stagioni, è stata formalmente accettata dall’assemblea della Lega Calcio di Serie A.

Almeno per i prossimi tre anni dunque, sia 90° Minuto, sia La Domenica Sportiva potranno continuare a trasmettere le sintesi delle partite della serie A: la decisione della Lega ha salvato due trasmissioni storiche della Rai che in questi anni hanno raccontato ai telespettatori della tv generalista i goal e i commenti a caldo dei protagonisti del nostro campionato. Ad annunciare l’accordo durante la conferenza stampa al termine dell’assemblea è stato lo stesso presidente della Lega Calcio Maurizio Beretta, che ha confermato anche la pubblicazione del bando relativo ai diritti della Coppa Italia per le prossime tre stagioni: “E’ confermato e rafforzato il successo di ascolti televisivi di questa competizione. Basti pensare che l’audience complessiva delle 15 partite in prime time è stato di oltre 80 milioni, con una media di spettatori a partita superiore ai 5 milioni“.

90-minuto

Ancora incerto invece il destino dell’altra trasmissione storica dedicata alla domenica calcistica: Quelli che il calcio rischia di non andare in onda, o di farlo con una formula diversa. L’accordo sui diritti infatti non è ancora stato confermato per l’orario di messa in onda del programma: Per la fascia che riguarda 13.30/18.15, l’assemblea di Serie A ha deciso di proseguire a trattativa privata, ha spiegato il presidente della Lega Calcio. Senza la possibilità di effettuare i tradizionali collegamenti dagli stadi e di commentare in diretta le partite, il programma di Rai2, condotto negli anni prima da Fabio Fazio, poi da Simona Ventura, infine da Victoria Cabello nell’ultima edizione, vedrebbe snaturata la sua stessa essenza. E nonostante negli anni sia diventato ormai un programma di intrattenimento, relegando al calcio un ruolo tutto sommato marginale, per tenerlo in vita bisognerebbe ideare una formula del tutto nuova.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *