Fazio e Saviano: secondo Il Giornale vanno ignorati

By on maggio 17, 2012
Fabio Fazio e Roberto Saviano

text-align: center”>Fabio Fazio e Roberto Saviano

Il Giornale ci ha abituati ad articoli ed editoriali spesso fuori dalle righe, di pura provocazione, ma spesso con spunti interessanti (proprio perché non conformi a quel che ci si aspetta). Lo stesso dicasi per le numerose firme che Il Giornale ospita, soprattutto nel suo spazio web. E proprio in un blog ‘patrocinato’ dal quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, si legge un’interpretazione insolita del fenomeno Saviano – Fazio. Il blog in questione è quello di Marcello Foa, proprietario del gruppo editoriale svizzero TImedia e docente di comunicazione e giornalismo.

Il testo già annuncia il tenore di quanto segue: “Saviano e Fazio? E’ ora di ignorarli”. Perché Marcello Foa crede che sia meglio ignorare i due protagonisti della rinascita, seppur tardiva e comunque provvisoria, di La7? Dopotutto hanno sempre avuto un ottimo sostegno di pubblico, che ha premiato i loro spettacoli con audience da capogiro. Nel 2010, con Vieni via con me, fecero segnare punte del 31 % di share. Quest’anno – e il successo è recentissimo – con Quello che (non) ho, hanno fatto registrare una media del 13%, comunque ottima, considerando che la ‘location’ di questi ultimi giorni è stata La7, che ha meno telespettatori.

Fabio Fazio

Perché Fazio e Saviano vanno ignorati? A parere dell’autore dell’articolo, in fin dei conti, non sono nulla di speciale. Ecco come Marcello Foa descrive i due eroi di La7: “Tutto questo successo per cosa? Per un presentatore come Fazio, il cui servilismo con gli ospiti in studio è francamente imbarazzante e per uno scrittore come Saviano che ha scritto un bel libro, ma non proprio suo, zeppo com’è di materiale altrui non attribuito e la cui pochezza intellettuale è disarmante”. L’origine del successo che stanno avendo starebbe nel conformismo del presentatore e nella facilità ad essere strumentalizzato (dalla sinistra, intuiamo) del giornalista.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *