Formula 1, Gran Premio di Monaco, Ferrari lontana dalla pole ma Alonso è fiducioso

By on maggio 27, 2012
Massa e Alonso, politi di Formula 1

text-align: center”>Massa e Alonso, politi di Formula 1

La Ferrari, come spesso quest’anno, non ha fatto una bella figura in Formula 1. Almeno alle qualifiche: Fernando Alonso e Felice Massa partiranno quest’oggi, al Gran Premio di Monaco (Francia), lontani dalla pole, in terza fila, rispettivamente dal quinto e dal settimo posto, dunque in netta contraddizione rispetto a due settimane fa (clicca qui per i particolari).

Ciononostante, Fernando Alonso si è detto ottimista. Le sue dichiarazioni sono comunque frutto di un’analisi lucida. Quello di Monaco è un circuito insidiosissimo e molto particolare: ricco di curve, spesso molto strette, porge poco il fianco ai sorpassi ed è l’ideale per preservare una posizione. I giochi, spesso, vengono fatti fin dalle qualifiche. Il pilota spagnolo è cosciente di questo e infatti ha dichiarato: “Di solito qui sono i primi tre della griglia a giocarsi la vittoria, quindi credo che il nostro obiettivo realistico sia un posto sul podio ma sappiamo anche che quest’anno le sorprese sono all’ordine del giorno”.

Fernando Alonso ha commentato anche il percorso della monoposto, ancora in via di perfezionamento. Si è detto soddisfatto ma fiducioso: “Le sensazioni al weekend sono sempre più buone. D’altronde, chi va piano va sano e va lontano”. Una metafora che dopotutto ci sta, anche se un proverbio del genere poco si sposa a una disciplina che fa della velocità la sua condizione necessaria, come la Formula 1.

Alonso e Massa

Il Gran Premio di Monaco, ha ragione Alonso, riserva spesso sorprese. Una di queste è senz’altro il terzo pole di Michael Schumacher che, alla veneranda età di 43 anni riesce ancora a fare la sua bella figura. Certamente, sulla sua ottima prestazione in sede di qualifiche, ha influito la sua grandissima esperienza: il Gran Premio di Monaco, infatti, è uno dei circuiti più tecnici di tutto il campionato di Formula 1.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *