La vita in diretta – 24 maggio: attentato di Brindisi, terremoto in Emilia Romagna e crisi economica; l’Italia può e deve ricominciare

By on maggio 24, 2012
Marco-Liorni-La vita in diretta

text-align: center”>

La vita in diretta’ è il programma quotidiano di Rai1, che da anni ormai occupa la programmazione pomeridiana della rete ammiraglia Rai. Ogni giorno Marco Liorni e Mara Venier intervistano gli ospiti in studio e si collegano con inviati e corrispondenti per occuparsi di cronaca e attualità, ma anche di cultura e spettacolo.

Quest’oggi si è tornati a parlare dell’attentato che qualche giorno fa ha scosso l’intera Italia: la bomba, piazzata da una persona non ancora individuata, che sabato ha ucciso la povera sedicenne Melissa Bassi e ferito altre cinque alunne della Scuola Morvillo-Falcone di Brindisi.

A parlare in prima persona è lo stesso Preside dell’Istituto, che nega le voci sulle minacce avvenute nei giorni scorsi nei confronti del personale scolastico, e accenna ad un individuo sospetto che è stato avvistato nei pressi della scuola.

mara-venier-foto-1

Poi la linea passa a Mara Venier che affronta l’altro tema caldo di queste ore, ovvero il terremoto che ha sconvolto e sta tutt’ora facendo tremare l’Emilia Romagna: Modena e Ferrara, nella notte tra sabato e domenica, hanno perso una parte della loro storia e della loro memoria. Gli abitanti dei luoghi colpiti portano pezzi di vita e ricordi sullo schermo: sono spaventati ma non si arrendono, vogliono rimboccarsi le maniche e ricominciare a vivere.

Infine si è passati alla crisi economica, e alla preoccupazione delle famiglie che faticano ad arrivare alla fine del mese: le notizie trasmesse dai telegiornali e le statistiche diffuse parlano di un’Italia messa in ginocchio, martoriata dalle tasse, con un’economia in caduta libera. ‘Per crescere bisogna creare giustizia sociale e pareggiare la situazione tra uomini e donne’ è il monito lanciato dagli opinionisti in studio, ‘Tutto questo aiuterebbe il Paese a migliorare’.

La parte finale, condotta ancora dallo stesso Liorni, segue questo filone e mostra famiglie in seria difficoltà a causa di figli disabili e assenza di lavoro. Prima è il turno della famiglia di Ciro, bambino sordo-cieco, ridotta sul lastrico dalla Camorra, che chiede che al piccolo venga riconosciuta l’invalidità; poi di quella di Luigi Pio, bimbo affetto da una malattia gravissima della pelle e minacciata da uno sfratto esecutivo. Sono molte quindi le persone che si trovano in queste situazioni difficilissime, che sembrano non avere via di uscita e necessiterebbero di un aiuto immediato: ‘La vita in diretta’ ha cercato di dare spazio ad alcune di queste, chiedendo di intervenire concretamente anche su tutte quelle che non trovano spazio sotto i riflettori ma che esistono, anzi ne rappresentano la maggior parte.

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *