“L’olimpiade nascosta” debutta con 4 mln: il riassunto della prima puntata

By on maggio 28, 2012
foto fiction l'olimpiade nascosta

text-align: center”>foto fiction l'olimpiade nascosta

Ha esordito con 4.072.000 telespettatori e uno share del 17.63% la prima delle due puntate della miniserie L’olimpiade nascosta, diretta da Alfredo Peyretti e prodotta da Rai Fiction e Casanova Multimedia. I numeri parlano chiaro: il programma ha scalzato la concorrenza di NCIS Los AngelesCaterina e le sue figlie 3 e Off the Report. Nel cast Cristiana Capotondi (Kasia), Alessandro Roja (Mario), Gary Lewis (Alex), Andrea Bosca (Vittorio) e Johannes Brandrup (Lang).

Ecco quanto accaduto nella prima parte:

Mario e Vittorio sono due prigionieri italiani che viaggiano su un camion tedesco diretto in un campo di concentramento al confine tra la Polonia e la Germania. E’ il 1944 e l’esercito tedesco sta subendo un importante attacco a quella che sembrava una cordata inaffondabile. Mario è il classico opportunista, egoista e spaccone, mentre Vittorio è l’esatto contrario: intellettuale, riservato e timido. Nel frattempo un altro camion nazista sta trasportando alcuni ebrei. Una donna, senza farsi vedere, lascia cadere suo figlio di sei anni in strada, con la speranza che il piccolo possa trovare un destino migliore di quello a cui sta andando incontro. Arrivati al campo Mario, Vittorio e gli altri si rendono conto di essere senza via d’uscita. Il maggiore Weber è un essere spregevole e  si diverte a infliggere le punizioni più atroci. Tutti nel campo vivono per sopravvivere. Ognuno pensa a se stesso e tutti sono nemici. Tra loro l’ufficiale inglese Alex, il solo che riesce a mantenere vivo un barlume di umanità tra i prigionieri. Un giorno, durante una esterna lavorativa, Mario trova Joel, il piccolo abbandonato dalla madre.

una-scena-de-l-olimpiade-nascosta

Immediatamente l’uomo cerca la casa più vicina, abitata dalla giovane polacca Kasia. La donna è spaventata e diffidente, ma cede alle parole di Mario, prendendo così il piccolo in casa. Tra i due nasce una grande intesa che improvvisamente trasforma Mario in un’altra persona. L’interesse suscitato da quella giovane e dal bambino gli fa mettere da parte il suo insano egoismo e riesce così a stringere un’amicizia con Alex. L’inglese, oltretutto ex atleta, riesce a dare una speranza a tutti i prigionieri proponendo di disputare di nascosto quelle che sarebbero state le Olimpiadi numero tredici. Inizialmente perplessi, i prigionieri finiscono per accettare l’idea. Per loro è l’unica forma di riscatto. Anche Mario è nel progetto, mentre cerca ogni momento utile per rivedere Kasia e Joel, ormai diventati la sua famiglia. Mentre fervono i preparativi per le Olimpiadi un tentativo di fuga da parte di alcuni prigioniera getta il panico al campo. La punizione è severissima: per ogni fuggitivo verranno uccisi dieci prigionieri. Purtroppo anche Mario è tra i condannati e Kasia è costretta ad assistere all’esecuzione. Disperata fugge via, non sapendo che Webber ha inscenato tutto per puro sadismo e che viene ucciso solo l’inglese che aveva tentato la fuga. A questo punto Mario corre da Kasia per avvertirla di essere ancora vivo e la trova mentre Eric, il suo ex fidanzato, la sta aggredendo. Nella colluttazione Mario e Kasia uccidono Eric e decidono di seppellirlo nel giardino. Al campo intanto cominciano le Olimpiadi, mentre una squadra di tedeschi fa irruzione in casa di Kasia per cercare Eric. Allo stesso tempo le guardie si accorgono che al campo ci sono strani movimenti e scoprono le Olimpiadi. Kasia invece può tirare un sospiro di sollievo perchè Eric non viene trovato. Ma un soldato sente la voce del piccolo Joel e le chiede chi sia quel bambino.

La seconda e ultima parte de L’olimpiade nascosta andrà in onda questa sera alle 21,10 su Rai Uno.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *