Luca Zingaretti e Luisa Ranieri si sposano il 30 giugno

By on maggio 12, 2012

luca zingaretti e luisa ranieriIl Commissario Montalbano si sposa. O meglio, a sposarsi è il suo amatissimo interprete Luca Zingaretti (scopri quanto guadagna). Che il prossimo 30 giugno impalmerà Luisa Ranieri, sua collega e compagna di vita: “Ci sposiamo – ha dichiarato la bella Luisa al settimanale Oggi – per coronare il nostro amore, certo, ma anche per tutelare nostra figlia Emma: in questo Paese, i figli delle coppie sposate valgono di più”. Insomma, la cronaca rosa non è esente da qualche amarezza. Il legame fra Luisa e Luca è ormai a prova di bomba, magari loro non avrebbero sentito il bisogno di metterci una firma e di certo non sono i primi a decidere di farlo per questioni burocratiche.

Le nozze saranno celebrate nei luoghi cari al Commissario Montalbano e precisamente a Ragusa, nel Castello di Donnafugata. “Ho avuto la fortuna di incontrare la persona giusta, che mi soddisfa in tutti gli scambi. Non ha neppure un difetto, è la perfezione”, ha detto ancora Luisa Ranieri riferendosi al compagno. Vabbè, forse un tantino esagerata, ma sono quelle esagerazioni che fanno sorridere perché arrivano dritte dal cuore. E, comunque, di certo Luca Zingaretti è un persona di grande valore e mossa da saldi principi. La paternità ha anche ammorbidito quegli spigoli dovuti alla sua natura (irresistibile) da “orso”, la sua Emma ha tirato fuori il suo lato più dolce e giocherellone.

Presto in tv nel difficile – a tratti doloroso – ruolo di Paolo Borsellino, il cinquantenne attore romano guarda le sue due donne e dice “Sono la mia vita. Banale? Ma è così, vorrei soltanto stare con loro”. No, non è banale. Soprattutto considerando l’impoverimento morale del mondo. “A volte – ha detto ancora Luca al settimanale A – mi domando cosa ho fatto fino a ora, quando mi lasciavo abbattere per un provino sbagliato, un film andato male. La vita, la vita vera, è un’altra storia: sono gli affetti, e i figli, soprattutto”. L’arrivo di Emma lo ha cambiato, “ero pessimista e sono diventato ottimista”. E poi ormai è un “campione con i pannolini. Li cambio come i meccanici della Ferrari al pit-stop. Sono un fulmine”. Sarà anche una questione soprattutto burocratica, il matrimonio. Ma a noi appare come l’ennesimo, splendido capitolo di una grande storia. Grande e vera.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *