Processo Ruby: Chiara racconta le cene ad Arcore con la statuetta di Priapo e la Minetti nuda

By on maggio 8, 2012
chiara-danese

text-align: center”>Chiara Danese: le cene con la Minetti nuda e le statuette di Priapo

E’ passato un anno prima che Chiara Danese e Ambra Battilana (in foto, ndr) decidessero di raccontare davvero cosa sia il famoso bunga bunga: Chiara aveva solo 17 anni quando partecipò alla prima, ed ultima, festa ad Arcore, ospite dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Era l’agosto del 2010 e insieme a lei c’era Chiara Battilana: le due giovani miss erano state invitate da Emilio Fede (dopo averlo conosciuto ad un casting per meteorine), che nel filone del processo cosiddetto Ruby bis, è imputato di induzione alla prostituzione, anche minorile, insieme alla consigliera regionale Nicole Minetti e all’ex agente Lele Mora (in carcere per bancarotta fraudolenta da un anno). Processo nel quale Ambra e Chiara si sono costituite parte civile, dichiarando di aver subito un danno patrimoniale da “perdita di chance lavorativa” perchè il loro nome è stato associato allo scandalo sessuale che ha coinvolto il Cavaliere. Oggi le due ragazze sono testimoni-chiave nel filone principale del processo Ruby, che vede imputato Silvio Berlusconi dei reati di concussione e prostituzione minorile.

Sentita dai magistrati di Milano, Chiara Danese ha raccontato di aver assistito a scene imbarazzanti in quel di Arcore, ospite dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. La ragazza si è commossa in aula ricordando cosa successe quella sera di agosto: “Berlusconi mi presentò Roberta Bonasia come sua fidanzata, ci rimasi male perche’ era mia amica e non lo sapevo“, ricorda Chiara, specificando che alla festa c’erano anche le gemelle De Vivo, Marysthell Polanco, “due ragazze nere vestite in modo scollato che sembravano prostitute e Nicole Minetti“. Chiara scende anche nei dettagli spiegando l’atteggiamento del Premier e i giochi erotici che si tenevano a Villa San Martino: “Berlusconi si fece portare una statuetta con un grande pene che chiese alle ragazze di baciare. Le ragazze si facevano toccare da Silvio mentre facevano sesso orale con la statuetta. Poi Silvio, che tutte le ragazze chiamavano ‘papi’ e lui definiva ‘le mie bambine’, si fece toccare e baciare nelle parti intime. Le ragazze intanto cantavano ‘meno male che Silvio c’è’. Io e Ambra eravamo imbarazzatissime.

berlusconi-ruby

Chiara racconta anche gli spogliarelli delle ragazze nel dopocena, quelli che Silvio Berlusconi ha cercato di far passare per eleganti “gare di burlesque” e che in realtà si concludevano con le ragazze nude, o quasi. Chiara precisa che Nicole Minetti alla fine del sexy show rimase completamente nuda e che le altre ragazze cercarono di coinvolgere lei stessa, insieme ad Ambra, negli spogliarelli: “Alcune ragazze erano travestite da infermiere, altre, come la Minetti, rimasero nude, altre semisvestite. Sembrava una cosa normale. Le ragazze si avvicinavano a me e Ambra e ci chiedevano di toglierci la giacca (…) Si strusciavano su Berlusconi e Fede, e loro due le toccavano nelle parti intime. A me veniva da piangere, ero agitata“. Le due ragazze riscirono poi a farsi riaccompagnare a casa da Fede, l’allora direttore del Tg4, che durante la serata le aveva invitate ad essere più disinvolte, quasi si complimenta con loro: “Fede in macchina ci disse che eravamo state brave – ricorda Chiara – e aggiunse che avevamo fatto bene a non comportarci come le altre che si erano comportate da puttane“.

 

 

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *