Scherzi a Parte, 30 aprile: Jorge Lorenzo perseguitato da una iettatrice

By on maggio 1, 2012
Jorge Lorenzo, pilota Moto GP

text-align: center”>Jorge Lorenzo, pilota Moto GP

Anche nella puntata di ieri sera, lunedì 30 aprile, Scherzi a parte ha offerto scherzi divertenti e a tratti esilaranti. Lo ha fatto con la formula del varietà, esclusiva di quest’anno, e con la formula della ‘concisione’. Infatti gli scherzi ora sono molto più corti rispetto alle edizioni passate, ma non per questo di cattiva qualità.

In particolare è stato divertente quello rifilato a Jorge Lorenzo, famoso pilota della Moto GP. Lo sportivo spagnolo viene convocato per firmare un contratto con uno sponsor facoltoso. Peccato che il riccastro in questione sia una… Donna iettatrice! Tutto l’entourage comincia a spaventarlo raccontandogli storie circa la sua (di lei) capacità di portare sfiga. Il giovane non ci crede ma quando incontra la donna in questione e ci parla, all’improvviso cambia idea. La sponsor, infatti, le rivela che segue il motociclista da molto tempo ed elenca le gare a cui ha assistito: tutte gare un cui è caduto e si è fatto male. Le difese anti-superstizione di Jorge Lorenzo cominciano a indebolirsi. La stoccata finale arriva quando gli viene detto che anche Casey Stoner ha firmato lo stesso contratto e subito dopo è entrato in un vortice di infortuni e cattive prestazioni (questo è accaduto realmente).

Jorge Lorenzo

La situazione per il pilota peggiora quando la sponsor comincia a maneggiare strani pupazzi proprio davanti a lui. Sono chiaramente bambole vodoo e ora il motociclista comincia ad avere persino paura.

Jorge Lorenzo è tentato di rifiutare, ora sul serio, ma la decisione si fa più ardua perché sul tavolo, pronti per lui, ci sono addirittura cento milioni di sponsor. Lo scherzo si conclude con uno fino incidente nel quale una delle hostess che lo hanno accompagnato in hotel e con cui ha fatto amicizia finge di trovarsi in pericolo per le ‘mannaie’ ricevute dallo sponsor stesso.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *