“Titanic – Nascita di una leggenda”, il riassunto della quarta puntata

By on maggio 14, 2012
foto della serie tv titanic nascita di una leggenda

text-align: center”>foto della serie tv titanic nascita di una leggenda

E’ andata in onda ieri sera la quarta puntata della fiction Titanic – Nascita di una leggenda, diretta dal regista Ciaran Donnelly e interpretata da Alessandra Mastronardi (Sofia Silvestri), Kevin Zegers (Mark Muir), Derek Jacobi (Lord Pirrie)Massimo Ghini (Pietro Silvestri), Valentina Corti (Violetta Silvestri), Edoardo Leo (Andrea Valle), Chris Noth (JP Morgan), Billy Carter (Thomas Andrews), Ian McElhinney (Henry Carlton), Denise Gough (Emily McCann Hill), Branwell Donaghey (Michael McCann), Martin McCann (Conor McCann), Charlotte Bradley (Mary McCann), Ophelia Lovibond (Kitty Carlton) e Neve Campbell (Joanna Yaegar). A seguire il programma soltanto 2.841.000 telespettatori con uno share dell’11,74%.

Ecco il riassunto dei due episodi trasmessi da Rai Uno (qui invece quello della terza puntata):

Sofia viene a conoscenza dei segreti di Mark. L’uomo, che oltretutto non è riuscito a esprimerle a pieno i suoi sentimenti, decide di confessare alla sua amata il suo passato e la donna che inizialmente sembra perplessa e delusa decide poi di perdonarlo in nome dell’amore che nutre per lui. Sean cerca di riconciliarsi con suo figlio. I motivi per i quali gli ha nascosto la morte di Siobhan sono leciti. Il momento no di Mark sembra avere un netto miglioramento nel momento in cui in città arriva JP Morgan. Il magnate viene a sapere che l’ingegnere è stato licenziato perchè è cattolico e non protestante e non ritenendo valide queste tesi decide di farlo riassumere immediatamente dalla Harland & Wolff. Morgan inoltre sa bene quanto Muir sia un lavoratore speciale e non può permettersi di perdere un uomo così valido. Appena tornato in fabbrica, Mark riprende subito il progetto del doppio scafo per il Titanic: a questo punto bisogna costruire delle paratie più alte all’interno della nave.

una-scena-di-titanic-nascita-di-una-leggenda

Nel frattempo in città c’è ancora aria di rivoluzione. Le imminenti elezioni politiche dànno vita a numerosi dibattiti e soprattutto si mette in luce una proposta innovativa, quella dell’home rule. In pratica l’Irlanda potrebbe cominciare a prendere le proprie decisioni senza più l’intervento del Regno Unito. Questa proposta, naturalmente vista negativamente dalla minoranza protestante, viene sostenuta fortemente dai McCann. Emily, infatti, riesce a convincere suo fratello Michael a candidarsi per il Parlamento all’interno del neo partito laburista. Lo stesso Lord Pirrie appoggia la candidatura di Michael nonostante sia nello schieramento dei liberali. Contemporaneamente Sofia vorrebbe rivelare ufficialmente la sua relazione con Mark, il quale invece si dimostra contrario non solo per i problemi che potrebbero esserci in fabbrica, ma anche per il pericolo che i suoi capi, ora a lui avversi, possano licenziare la ragazza per fargli dispetto. A questo punto Sofia ha una soluzione per scampare a tutto ciò, quella di andare via per sempre da Belfast e trasferirsi a Londra con Mark. Ma ecco che l’ingegnere viene a sapere improvvisamente alcune notizie relative alla figlia: il suo certificato di nascita. Mentre le elezioni si avvicinano, Michael McCann prosegue con discreto successo la sua campagna politica. Anche l’alta classe dei protestanti è ben organizzata, sostenendo il candidato unionista estremista Albert Hatton.

Purtroppo nel bel mezzo della propaganda Emily viene arrestata mentre sta distribuendo alcuni volantini: l’accusa è quella di aver organizzato assembramento illegale, ma questa è solo una scusa. La donna infatti paga le dure regole della politica e in questo caso si tratta di una mossa per colpire i cattolici. Intanto anche Mark non se la passa granchè. Mentre la proposta delle paratie viene acclamata da Thomas Andrews e Lord Pirrie, il presidente della White Star Lines, la compagnia del Titanic, si mostra totalmente contrario, evidenziando clamorosamente quanto lo scontro tra le classi sociali prenda il sopravvento persino sulle misure di sicurezza della nave. Il clima di tensione sfocia la notte precedente alle elezioni, quando la sede del Partito Laburista viene incendiata. Il giorno dopo a vincere è Hatton, che batte sensibilmente il candidato liberale sostenuto da Lord Pirrie e da Winston Churchill. Michael ottiene pochi voti e viene aggredito dagli estremisti protestanti. Ferito nel fisico e nell’animo, decide di lasciare Belfast. Conor McCann, attivista nei feniani cattolici, va a cercare nuovi alleati lontano dalla città, abbandonando così su due piedi Violetta, la quale nel frattempo è rimasta incinta. Dopo tutti questi fatti Sofia non ne può davvero più e chiede a Mark di partire per Londra. L’ingegnere è costretto a questo punto a fare una scelta. Il solo amore per Sofia non è sufficiente a farlo restare, quindi decide di restare e cercare sua figlia.

La quinta puntata di Titanic – Nascita di una leggenda sarà trasmessa il 21 maggio, alle 21,10, su Rai Uno.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *