Violante Placido e l’importanza del sesso

By on maggio 3, 2012

violante placidoViolante Placido è figlia d’arte, frutto dell’ormai trascorso legame fra Michele e Simonetta Stefanelli. Bella e talentuosa, classe 1976, ha costruito la sua carriera senza risparmiare qualche provocazione: per esempio accettando di interpretare, nel 2009, il ruolo di Moana Pozzi nella miniserie Moana andata in onda su Sky. Spogliarsi per lei non è un problema, così come non è un problema incassare le critiche: mica ci possono essere solo consensi, no? La sua passione per la recitazione è affianca da quella per la musica: con lo pseudonimo di Viola, la Placido scrive e interpreta canzoni, soprattutto in inglese. Quanto alla vita sentimentale, fino alla scorsa estate questa bella fanciulla aveva accanto Alessandro Gabini, ma adesso è un po’ che i due non appaiono insieme in pubblico: cosa vorrà dire?

In ogni caso, durante un’intervista al settimanale A lei accetta di affrontare questioni private e ammette – con la sua consueta pacatezza – di aver vissuto numerose relazioni. Ha avuto tanti uomini, insomma. E tutte le volte il sesso ha assunto un ruolo di primo piano: “conta molto, lo vivo come un’esperienza unica. Sentirsi insieme al di là di tutto il frastuono – dice Violante – è un momento molto speciale. Se attraverso il sesso non riesco a percepire questa intimità diventa un problema”.

Violante Placido Si definisce “dipendente emotivamente” ma al tempo stesso “indipendente per natura”, nell’altra metà del cielo ha sempre ricercato una parte di se stesse e, pur credendo che l’amore sia un’illusione, continua a seguirlo perché “ti fa sentire viva”. Per un po’ ha sperato di trovare un amore che durasse per sempre, poi ha capito che si tratta di una sorta d’utopia. Eppure continua a mettere il cuore in gioco, Violante. Ma se attribuisce al sesso un ruolo da protagonista, ritiene anche che da solo non possa darle alcuna soddisfazione: “Spesso mi sono detta basta, non fare la romantica, divertiti vivi con leggerezza. Ma non è possibile: quando incontro una persona diventa sempre una storia. Quando sei tutto nudo non hai un abito, una forma. Quando ci sono solo due corpi che comunicano attraverso la chimica e il sentimento devi andare in un posto più alto, altrimenti non funziona”.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *