Alessandra Amoroso ed Emma Marronne: tamponamento e “constatazione amichevole”

By on giugno 5, 2012
ale e emma

text-align: justify”>ale e emmaVerrebbe quasi da affidarsi alla retorica o a quei banali proverbi in rima della serie “donne al volante pericolo costante”. Ma non lo farò. Alessandra Amoroso ed Emma Marrone, BFF (best friend forever) come si legge nelle community a loro dedicate (mi sento dentro le pagine di un libro di Moccia) ne hanno combinato un’altra delle loro. Un bel tamponamento mentre erano alla guida di due macchine elettriche. Nessun ferito, per carità, nessun coinvolgimento delle assicurazioni. Solo una constatazione amichevole.

Ma no, no, non parlo certo del Cid, quanto della loro travolgente, insistente, avvolgente (anche basta) amicizia. Già, per chi non lo avesse ancora capito, la Amoroso e la Marrone sono amiche del cuore. E fanno di tutto per farlo sapere.

Anche un incidente in auto è diventato bandiera del loro affetto per tutti i giornali. E così al grido di “siamo due pazze” le due Amiche vanno in giro a spalleggiarsi a vicenda. Le fan sorridono e si uniscono in una fratellanza inaspettata e i discografici gongolano. Girl Power!

“In molti avevano ipotizzato dell’astio tra noi ma la nostra amicizia è sincera” afferma la Amoroso. “Ho preso la mano di Emma durante la finalissima di Amici ed è stato un gesto affettuoso ma simbolico, per fare capire a tutti che la nostra amicizia va al di là del televoto”.

duetto-a-italias-got-talent

Alessandra Amoroso ha poi continuato a ribadire la sua incredibilità nell’aver vinto Amici. Incredulità che, parliamoci chiaro, aveva solo lei. D’altronde quando sei la concorrente di un talent ad aver venduto più in Italia, pensare di vincere una gara sembra impensabile.

Tornando all’amicizia tra le due, la Amoroso ha affermato di essere stata ancora più vicina ad Emma in questo periodo di crisi e di intenso gossip per la collega. Un’amicizia che verrà sublimata da un concerto all’arena di Verona. Insomma, un’amicizia Amorosa…o forse Marrone.

About Simone Rausi

Quando nacque a Catania nel 1986, Pippo Baudo urlò “Fantastico!”. Già, la settima edizione era in onda su Raiuno in quel momento. Ha divorato decenni di fiction e programmi tv prima di laurearsi in Scienze della comunicazione. Ha fatto lo speaker, il giornalista, il blogger e attualmente è copywriter presso un’agenzia di pubblicità (ma sua nonna dice in giro che fa il copriwater). Ha scritto un romanzo sui carciofi ma non ne mangia uno da anni. Lo trovate su tutti i social network del mondo… o davanti qualche schermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *