Chiambretti a Tv Talk: “Sono stato scaricato da Rai e La 7”

By on giugno 3, 2012

text-align: center”>Piero Chiambretti, presentatore

Piero Chiambretti è stato intervistato ieri da Tv Talk, il famoso programma di approfondimento del sabato pomeriggio di Rai Tre. Il conduttore ha risposto alle domande, spesso impegnative, rivelando una sincerità di cui, onestamente, vista la sua carriere televisiva, non ci si può stupire.

L’intervista ha toccato svariati argomenti, dalla televisione alla sua vita personale, finanche alla politica. Piero Chiambretti ha confessato che sì, i suoi programmi non hanno mai fatto  grandissimi ascolti, perché cuciti su misura per un pubblico magari più attento, magari più di nicchia. Ciononostante il presentatore ha raccontato di non tenere conto di questo particolare: “Non mi sono mai fatto influenzare dallo share, reputo importanti altri elementi”.  Allo stesso, Piero Chiambretti non si cura nemmeno delle voci che, di tanto in tanto, sono girate sui giornali. Voci che parlavano di un Chiambretti ormai ‘scarico’, non più in grado di realizzare e condurre programmi di successo: “Giornali, sia su web che cartaeci, non ne leggo quasi più”.

Piero Chiambretti ha però aggiunto con amarezza: “Sono stato scaricato prima dalla Rai, poi da La 7. Ho un contratto con Mediaset che onorerò, ma se mi chiedessero di tornare alla Rai, lo farei davvero molto volentieri”.

Piero Chiambretti

Il presentatore ha anche parlato di politica. Le domande a lui poste hanno toccato il fenomeno Grillo. Secondo Piero Chiambretti non uno fenomeno di cui rimanere particolarmente sorpresi. “Ha sempre avuto questa doppia natura comica e politica assieme. Anche anni fa, quando andavi nei suoi spettacoli, ti sedevi, ridevi poi uscivi e riflettevi. Semplicemente ha trasformato questa sua capacità da attitudine personale a industria dei consensi”. Ad ogni modo, l’intervistato non crede che il canale spettacolo-politica esista di per sé, ma che si sostanzi solamente in alcuni casi eccezionali. Non è un percorso ‘naturale’, ma solo un percorso di determinate persone.

About Giuseppe Briganti

One Comment

  1. SHATZELE

    giugno 3, 2012 at 17:15

    Mi dispiace povero Chiambretti ma………Ma a me gli uomini piccoli non vanno giù, proprio non riesco a digerirli e nemmeno a prenderli in considerazione. Datemi un bravissimo medico, astronauta, geofisico, giornalista, presentatore come in questo caso o… sotto il metro e ottanta e mi rivolgo ad altri. Non c’è feeling, non c’è sicurezza. Ho bisogno oltre che della competenza della possanza. Lo riconosco è un difetto non da poco ma……..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *