Euro 2012, i gironi: le sfide più belle, le previsioni

By on giugno 7, 2012
Euro 2012, logo

text-align: center”>Euro 2012, logo

Domani si disputerà la prima partita di Euro 2012, Polonia-Grecia, girone A. Un match soft, quasi per nulla interessante, se non fosse che la Polonia è uno dei paesi che ospita la manifestazione. La sera continuerà sulla stessa falsa riga, con l’altrettanta ordinaria Russia-Repubblica Ceca. Toccherà aspettare il 9 giugno per vedere in campo alcune tra le squadre più quotate dell’intero europeo. A giudicare da queste brevi evidenze, si intuisce quanti squilibrati siano alcuni gironi rispetti agli altri. Ecco un’analisi raggruppamento per raggruppamento.

Girone A. Polonia, Grecia, Repubblica Ceca, Russia. Il più tranquillo, composto da squadre di fascia media e bassa. Un sorteggio favorevole e la presenza della Polonia come testa di serie (secondo il regolamento questo onore spetta di diritto ai due paesi ospitanti) hanno posto in essere un girone molto facile. Ad ogni modo, le avversarie dovranno prestare molta attenzione alla Russia, squadra che in occasione dell’amichevole contro l’Italia ha brillato ed espresso un gioco dinamico e organizzato.

Girone B. Olanda, Germania, Portogallo, Danimarca. Il girone di fuoco. Tre squadre su quattro possono benissimo aspirare al titolo. L’Olanda, forte di un Van Persie in stato di grazia, è finalista dell’ultimo mondiale. La Germania, nazionale dei baby fenomeni, è finalista dell’ultimo europeo. Il Portogallo, infine, vanta un Cristiano Ronaldo reduce dalla migliore stagione della sua carriere e giocatori dall’alto tasso tecnico.

francia

Girone C. Italia, Spagna, Irlanda, Croazia. Le incognite qui sono molte. Sulla carta, il verdetto è chiaro: Azzurri e Furie rosse ai quarti. A complicare le cose, però, interviene un’Italia demoralizzata dagli scandali e in pessima foma (reduce da tre sconfitte consecutive), un Irlanda rivelazione delle qualificazione e una Croazia che, tra le squadre ‘inferiori’ si pone come la più temibile. Sulla Spagna, di contro, non è possibile notare molti dubbi: Puyol non giocherà per infortunio, ma le risorse di Del Bosque abbondano.

Girone D. Francia, Inghilterra, Ucraina,  Svezia. Una specie di fotocopia di quello precedenti. Da notare, qui, una Francia alla ricerca di rivalsa e forte dei giocatori generazione ’87, che ormai hanno completato la loro maturazione. Da notare anche un Inghilterra solida ma in preda agli infortuni e una Svezia un po’ scialba, ma relativamente fiduciosa grazie alla presenza di Ibrahimovic.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *