Euro 2012, il ‘biscotto’ fa paura: l’Italia fuori se la Spagna fa 2-2

By on giugno 15, 2012
La nazionale spagnola di calcio

text-align: center”>La nazionale spagnola di calcio

Siamo nei guai. L’Italia rischia di uscire da Euro 2012 anche se strapazza l’Irlanda. Perche? Le paure degli Azzurri hanno un nome, per giunta apparentemente innocuo o addirittura ridicolo: biscotto. Se la Spagna e la Croazia ‘fanno biscotto‘ noi andiamo a casa.

Il termine culinario si sta rincorrendo di bocca in bocca nei notiziari sportivi e nei giornali. Biscotto si definisce l’accordo tra due squadre che ‘aggiustano un determinato risultato’ per escludere una terza. Per complicati calcoli, se noi vinciamo e Spagna-Croazia pareggiano due a due noi siamo fuori. In ogni caso, anche se riempiamo di gol l’Irlanda.

Il problema è che c’è già un precedente, e pure bello grosso. Nel 2004, ai tempi dell’Europeo in Portogallo, fummo buttati fuori da un ridicolo 2 a 2 di Danimarca e Svezia, che rivelava un palesissimo accordo (i portieri fecero errori da terza categoria). Il rischio c’è, lapaura, di conseguenza, pure. Ci sono però delle considerazioni da fare, considerazioni che offrono spazio a un certo ottimismo. Innanzitutto, di fronte alla scelta del biscotto non c’è una squadra mediocre, che rischia di non arrivare ai quarti. C’è la Spagna, campione del mondo e d’Europa, la più forte squadra da venticinque anni a questa parte. La domanda è: la nazionale spagnola è disposta a rovinare la sua immagine solo per sbattere fuori l’Italia?

Italia-Croazia

Danimarca, inoltre, avevano reciproca paura. All’epoca potevano perdere entrambe, non avevano sicurezze. La Spagna ce le ha: se spinge la Croazia soccombe, non c’è nulla da aggiungere. Gli Azzurri hanno sottomesso senza se e senza ma gli slavi per un’oretta circa e le Furie Rosse ci surclassano in quanto a ‘potenza di fuoco’ in avanti.

Ad ogno modo, noi dobbiamo vincere. Dobbiamo battere l’Irlanda. Il destino è ancora nelle nostre mani, non al 100%, magari solo al 90, ma lo è. I punti da cui partire ci sono: un buon centrocampo, un ottimo Marchisio.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *