Euro 2012, inizia la festa: alle 18 Polonia-Grecia

By on giugno 8, 2012
Euro 20'12

text-align: center”>Euro 2012

Il conto alla rovescia è finito. Euro 2012 sta per iniziare. Le sedici squadre migliori d’Europa si sfideranno in Polonia e Ucraina, paesi ospitanti. Come tradizione, ad aprire i giochi sarà proprio una squadra di casa. In questo caso la Polonia, che affronterà la Grecia alle ore 18.

Cosa dire della partita inaugurale? Lo spettacolo, visto il tenore delle squadre, potrebbe latitare. Né la Polonia né la Grecia  possiedonno un tasso tecnico in grado di imporle come possibili vincitrici del torneo. La Grecia, comunque, reca con sé un discreto bagaglio di tradizioni: nel 2004 la compagine ellenica stupì tutti assicurandosi il primo posto. La Polonia, invece, è l’anello debole del girone se no addirittura dell’intero Europeo. I polacchi no possono contare di individualità eccelleti, se si esclude l’attaccante Levandowski. Il ragazzo è stato protagonista di una stagione superba al Borussia Dortmund, con addirittura 30 gol all’attivo. La Grecia, di contro, appare come una squadra solida in tutti i reparti. La loro forza è però il gruppo: i greci si conoscono alla perfezione, visto che giocano assieme da una mezza dozzina di anni. Karagounis (ex Inter), Tzorbas (ex Palermo) e Samaras costituiscono la spina dorsale di una squadra candidata, come minimo, a raggiungere i quarti di finale.

Euro 2012

Questa sera ci sarà un po’ d’Italia. Alle 17.30, infatti, inizierà la cerimonia di inaugurazione. Lo spettacolo reca la firma di un italiano: Marco Balich, artista che ha già entusiasmato nella cerimonia d’apertura ai Giochi olimpici invernali di Torino 2010. Per oggi, ha promesso 12 minuti di grande bellezza, caratterizzati – citiamo le sue stesse parole – “da una sorpresa finale”. L’attesa, comunque, è tutta per l’esordio degli Azzurri il 10 giugno alle 18 contro la Spagna. Una partita ardua per l’Italia, che affronterà la compagine spagnola con un assetto rivoluzionato (clicca qui per i particolari).

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *