Euro 2012: l’Italia passa ai quarti. Soddisfatto Prandelli: “Mai sofferto così tanto”

By on giugno 19, 2012
foto-cesare-prandelli

text-align: center”>Conferenza stampa Prandelli: soddisfatto di Italia Irlanda

Speciale Europei di calcio 2012 de Lanostratv – L’Italia ha trovato la sua prima vittoria in campo in questi Europei 2012 battendo per 2 a 0 l’Irlanda di Trapattoni. Vittoria netta e di “biscotto” neanche l’ombra: l’avventura europea continua, anche grazie alla contemporanea vittoria della Spagna sulla Croazia. Gli azzurri non potevano sperare in una conclusione più felice della decisiva giornata di ieri e finalmente il c.t. Cesare Prandelli può tirare un sospiro di sollievo: “Ci giocavamo la qualificazione, è stata la serata in cui ho sofferto di più nella mia carriera – ha dichiarato a caldo il mister – Fino al 75′ sono rimasto in partita, poi ho iniziato a chiedere il risultato dell’altro campo. Gli ultimi 15′ sono stati molto forti“. E il batticuore dev’essere stato ancor più forte durante quel minuto di scarto tra la conclusione del match di Poznan e quello di Danzica, dove si sfidavano Spagna e Croazia, perchè a dispetto del tanto vituperato 2 a 2, anche un pareggio sul risultato di 1 a 1 avrebbe decretato la fine del percorso della nostra Nazionale.

Anche se il primo tempo è risultato confusionario e poco incisivo, Prandelli si è detto soddisfatto per la prestazione dei suoi ragazzi: “Questa sera non abbiamo avuto cali fisici (…) Piuttosto dobbiamo dire che abbiano avuto quelle azioni da gol in apertura del secondo tempo che potevano chiudere prima la partita“. Tra i migliori in campo, certamente Claudio Marchisio e Daniele De Rossi, e senza dubbio ottime le performance di Cassano e Balotelli che hanno portato l’Italia ai quarti di finale: “Quando ci sono tante aspettative devi fare conto delle pressioni che puoi avere – ha detto Prandelli dell’attaccante azzurro – L’Europeo di Mario non comincia stasera perché lui ha fatto prestazioni importanti fino ad ora“. Stempera la tensione anche Gigi Buffon, che nei giorni scorsi si era lanciato in pungenti invettive sul tema del biscotto via Facebook.

gigi-buffon

Ho vissuto quattro giorni sereno, con l’unica preoccupazione della nostra partita, perché pensavo che gli spagnoli avrebbero fatto quello che alla fine hanno fattoha dichiarato il Capitano della Nazionale ai microfoni di Raisport. Senza rinunciare, come nel suo stile, ad una nota leggermente polemica: “Un grande grazie va anche a loro, come dissi quattro anni fa all’Olanda che vinse anche se non ne aveva bisogno e ci fece qualificare”. Un bilancio positivo per la sua Nazionale, ma manca ancora quel pizzico di cattiveria che renderebbe le prestazioni più incisive: “Fino ad oggi abbiamo avuto un grande merito ed anche un grande demerito: facciamo diventare le partite molto equilibrate e questo va bene quando giochi con le forti, ma non con le meno forti. Vorresti un po’ più di cinismo come questa sera”.

Con la qualificazione ai quarti si è subito scatenato il toto-combinazioni per le prossime partite: l’Ucraina sembrerebbe la formazione meno temibile da affrontare (rispetto a Francia e Inghilterra), ma come ricorda Daniele De Rossi, meglio non sfidare la sorte: “Ricordo ancora quanto ho sghignazzato dopo il sorteggio della fase a gironi dei Mondiali in Sudafrica e invece poi abbiamo fatto una brutta figura, quindi sto attento a dire adesso Ucraina…“.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *