Euro 2012. Loew: “Stasera cambieremo la storia”

By on giugno 28, 2012

text-align: justify”>euro 2012 loewMancano poche ore all’attesissima semifinale che vedrà scendere in campo la nostra Nazionale contro la temibilissima Germania, agguerritissima e data per favorita. Dopo una lentissima e poco entusiasmante semifinale fra Portagallo e Spagna, che ha visto l’ennesima vittoria di quest’ultima, ci auguriamo di vedere stasera un match combattuto, emozionante e coinvolgente. Le speranze sono tutte per gli Azzurri che hanno dimostrato in questo europeo bravura e tecnica, sperando di riuscire a battere la Germania che, da parte sua, esprime qualche preoccupazione.

In particolar modo, l’allenatore della nazionale tedesca Joachim Loew crede fermamente nella vittoria dei suoi ragazzi minacciando di cambiare il corso della storia e di riuscire così a colmare la delusione dall’esclusione dei Mondiali 2006 tenutesi a Berlino per mano proprio dell’Italia.“La nostra squadra è in grado di battere qualsiasi avversaria: questo non vuol dire che vinceremo, ma la fiducia è molta per poterlo fare” tuona Loew fermamente convinto delle capacità e della perseveranza dei suoi uomini. E se troppa fiducia nuocesse alla sua nazionale? Come si sarà espresso il CT tedesco nei confronti del corazzone italiano?

euro-2012-andrea-pirlo

Loew è convinto della forza della nostra squadra, soprattutto in difesa ma anche in attacco grazie a punti fermi come Antonio Cassano e Mario Ballottelli. Ma tutta la sua stima non può che rivolgersi a Pirlo che Loew definisce come “un top player che imposta il gioco e ha ottime idee in fase di costruzione: è lui che detta i tempi del gioco, dovremo cercare di limitarlo, finora è stato il migliore degli azzurri”. Un grande in bocca al lupo alla nostra nazionale e che Pirlo ce la mandi buona.

About Mario Manca

Specializzando in Televisione,Cinema e New Media presso Libera Università di Lingua e Comunicazione Iulm di Milano. Ama e segue la televisione da una vita e desidererebbe dare un contributo attivo alla creazione di un modello televisivo teso alla qualità e intelligenza informativa con interventi autoriali mirati. Il suo modello di critica televisiva è Aldo Grasso e Madonna è la sua artista musicale preferita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *