Euro 2012: Olanda-Germania, probabili formazioni. Van Persie fuori ruolo?

By on
La nazionale della Germania

text-align: center”>La nazionale della Germania

L’Olanda è con un piede fuori da Euro 2012. La sconfitta contro la Danimarca e, soprattutto, la prospettiva della partita della disperazione proprio contro la titolatissima Germania, stanno gettando nello sconforto tifosi e giocatori Orange. La situazione è talmente grave – come minimo dal punto di vista psicologico – che nella delegazione olandese pensano ad un intervento inusuale e straordinario: una visita dallo psicologo, per motivare i giocatori e scrollar loro la paura di dosso. A questa idea Sneijder ha risposto in maniera sprezzante: “Non ne abbiamo bisogno. Nel caso si arrivasse a tanto, andrò a farmi un paio d’ore di sonno”.

Ad ogno modo, il ct olandese Van Marwijk sta pensando di correre ai ripari. La formazione, però, non ha subito particolari stravolgimenti, bensì solo qualche modifica. Si prevede, infatti, la panchina per Afellay e l’arretramento di Van Persie nella linea dei trequartisti, sull’out di sinistra. Un ritorno al passato per il gioiello dell’Arsenal ma che potrebbe sostanziare, per lui, una partita da fuori ruolo. E’ da tanto che non gioca ala o trequartista.

Ecco la probabile formazione dell’Olanda, disposta in un classico 4-2-3-1. Stekelenburg, Van der Wiel, Heitinga, Vlaar, Willems; Van Bommel, De Jong; Robben, Sneijder,Van Persie; Huntelaar

La nazionale tedesca

Schieramento speculare per la Germania. Loew si affida agli stessi unidi che hanno battuto, in maniera peraltro molto convincente, il Portogallo di Cristiano Ronaldo. E dunque (sempre in un 4-2-3-1): Noer; Boateng, Hummels, Badstuber, Lahm; Schweinsteiger, Khedira; Muller, Ozil, Podolski; Gomez.

Che dire di questa partita? Non potrà che essere scoppiettante. La Germania vuole chiudere in fretta la pratica qualificazione, in modo da garantire nella terza partita un po’ riposo ai suoi (in caso andrebbero in campo le riserve). L’Olanda, dal canto suo, è costretta alla vittoria. Persino un pareggio sarebbe compromettente, con 1 punto non si va da nessuna parte.

About Giuseppe Briganti

Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *