Euro 2012: Polonia-Grecia finisce 1-1 in una partita di grandi emozioni

By on giugno 8, 2012
Foto di Salpingidis giocatore Grecia

text-align: justify”>Foto di Salpingidis giocatore GreciaE’ finita con un pareggio e quindi un punto a testa per Polonia e Grecia, la prima partita dell’ Europeo di Calcio 2012. Una partita che incredibilmente regala tante emozioni. Da due squadre come la Polonia e la Grecia non ci si aspettava una partita combattuta che  al di là delle varie imperfezioni tecniche delle due squadre, regalano a questo europeo una partita decisamente bella. E’ stata la Polonia a dominare il primo tempo supportata dagli oltre 50 mila tifosi polacchi, la Grecia si fa vedere poco e sembra confusa sulla tattica di gioco per cercare di contrastare gli avversari.

Nel primo quarto d’ora di gioco la Grecia non riesce ad arrivare mai vicino alla porta avversaria, grazie all’ ottima prestazione difensiva dei polacchi che regalano diversi brividi con ben 5 tiri in porta. Al 17mo minuto arriva la svolta decisiva del primo tempo, grazie ad un traversone Lewandowski riesce a mettere la palla in porta, nulla da fare per il portiere greco. La Polonia si porta meritatamente in vantaggio e la Grecia subisce il colpo non riuscendo a creare azioni che possano almeno impensierire i polacchi. Al 34′ poi Papastathopoulos viene ammonito che ha commesso fallo sull’ autore del gol polacco. Ma per la Grecia le cose si complicano ancora di più quando dieci minuti dopo il giocatore ammonito viene nuovamente ammonito e quindi espulso dalla partita. La decisione dell’ arbitro è apparsa troppo severa.

espulsione-papastathopoulos-grecia-euro-2012

Nel secondo tempo l’ allenatore greco decide di fare un cambio, esce Ninis ed entra Salpingidis. Questa mossa si rivelerà azzeccata perché sarà il neo entrato in campo a cambiare completamente la partita. Al 51esimo è proprio Salpingidis a sfruttare l’ errore della difesa polacca e del portiere Szczesny che esce dalla porta e subisce il gol da parte dell’ ellenico. A questo punto la partita prende un’ altra piega e la Grecia si sveglia e domina completamente il secondo tempo. La Polonia, invece, si spegne e sembra avere le idee confuse non riuscendo più a creare occasioni che possano impensierire gli ellenici. Al 68esimo arriva un episodio che potrebbe cambiare completamente le sorti del gioco, il portiere polacco commette fallo su Salpingidis che ottiene un rigore. Il calcio però regala sempre grandi emozioni ed è sempre imprevedibile, la partita quindi ritrova le due squadre in parità numerica e la Grecia con la partita in mano. Karagounis sbaglia il rigore e il risultato non cambia. Poche emozioni negli ultimi minuti e la partita finisce lasciando sicuramente la Polonia con l’ amaro in bocca per non aver saputo sfruttare il vantaggio.

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *