Euro 2012: Prandelli passa al 3-5-2? Ecco cosa cambierebbe

By on
Cesare Prandelli, allenatore

text-align: center”>Cesare Prandelli, allenatore

Cesare Prandelli è intenzionato a rimescolare le carte in tavola. La pesante sconfitta subita ad opera della Russia ha messa più di qualche pulce nell’orecchio al mister azzurro. I problemi più grossi si sono registrati in difesa: praticamente un colabrodo, soprattutto nelle fasce.

E dunque che fare? La soluzione è a portata di mano, e Prandelli lo sa: buona parte dei giocatori sono della Juvetus e la Vecchia signora è stata la squadra che in campionato ha preso meno gol. Dunque… E’ sufficiente giocare come la Juvetus! Ciò vuol dire abbandonare il 4-3-1-2 utilizzato per tutti questi anni e adottare il 3-5-2 di Antonio Conte (allenatore dei bianconeri). Soprattutto, vuol dire sacrificare un centrocampista laterale per un centrale di difesa. Visto il ‘5’ che figura nella linea dei centrocampisti ciò potrebbe sembrare un paradosso, ma basti sapere che il modulo ‘contiano’ implica una maggiore copertura laterale e una minore densità in mezzo al campo.

L’Italia versione 3-5-2 dovrà fare a meno di uno tra Pirlo, Marchisio, Marchisio, De Rossi. Il candidato a rimanere escluso è Montolivo che tra i quattro è quello che negli ultimi mesi ha convinto di meno (complice anche il periodo burrascoso trascorso alla Fiorentina). Ma il giocatore  ex viola conserverebbe il posto da titolare se De Rossi arretrasse nella linea dei difensori.

Antonio Conte

Prandelli, infatti, ha provato anche questa balzanza soluzione. Balzana fino ad un certo punto: De Rossi ha giocato spesso da difesore nella Roma durante l’ultimo campionato. Ha dimostrarlo di cavarsela più che egregiamete anche in questo ruolo. Inoltre, il suo arretramento arrecherebbe sicuri beefici: eviterebbe a Pradelli di schierare Obgonna, difensore dal grande avvenire ma ancora molto giovane e inesperto. L’Italia beneficierebbe anche di un giocatore in grado di far partire l’azione da dietro. Insomma, il 3-5-2 sembra essere proprio una opportunità da percorrere soprattutto in vista della gara d’esordio contro la Spagna.

About Giuseppe Briganti

Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *