Europei 2012: scoppia un nuovo caso Criscito. Il difensore vuole il posto di Barzagli

By on giugno 5, 2012
Giandomenico Criscito rivendica il ruolo in Nazionale

text-align: center”>Giandomenico Criscito rivendica il ruolo in Nazionale

Speciale Europei di Calcio 2012 de LaNostraTvAndrea Barzagli fuori per almeno venti giorni è una tegola che proprio non ci voleva sull’Italia di Prandelli: il c.t. della Nazionale è costretto a correre subito ai ripari. Partire alla volta degli Europei col difensore juventino, pur sapendo di poterlo recuperare solo dopo i gironi, o scegliere una valida alternativa a quello che molti ritengono il miglior difensore dell’ultimo campionato? La decisione, fa sapere lo staff azzurro, verrà presa non prima di venerdì. Ma intanto, nel caso in cui le condizioni di Barzagli non migliorassero, il mister sta già prendendo in considerazione eventuali rimpiazzi. I nomi spuntati nelle ultime ore sono quelli di Ranocchia e Astori (quest’ultimo è il candidato più probabile), ma la variabile imprevista di questa vicenda è l’autocandidatura di un altro giocatore, che si è appena proposto “volontario”.

Si tratta di Giandomenico Criscito, difensore dello Zenit San Pietroburgo di Spalletti, che era stato allontanato dalla Nazionale dopo essere rimasto coinvolto nell’inchiesta della Procura di Cremona sul calcioscommesse. Per lui era arrivato infatti un avviso di garanzia direttamente nel ritiro di Coverciano: Criscito è iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di associazione a delinquere e frode sportiva e per questo è stato escluso dalla lista dei convocati per gli Europei. Il difensore però non ha perso le speranze di giocare quest’Europeo e non appena diffuse le notizie su Barzagli, ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport la sua convinzione che quel posto liberatosi in difesa gli spetti di diritto.

criscito-a-coverciano

Mi è stato chiesto di lasciare il ritiro della Nazionale – ha spiegato Criscito – dopo un colloquio con mister Prandelli, alla presenza di Demetrio Albertini. Mi comunicarono la decisione. E aggiunsero una promessa: ‘Se s’infortuna qualcuno, anche un attaccante, quel posto sarà tuo’“. Il difensore, insomma, rivendica il suo posto in Nazionale e chiede che Prandelli e soci rispettino la parola data. Non è tardata ad arrivare la replica dello stesso Albertini, che ha spiegato come le condizioni per un ritorno in rosa di Criscito fossero in realtà ben più circostanziate: “Prandelli gli ha detto che se fosse stato ascoltato, se fosse caduto il suo stato di indagato, se gli fosse stato tolto l’avviso di garanzia e, laddove si fosse fatto male qualcuno, allora sarebbe stato il primo a essere considerato. Ma le cose non sono cambiate. Quindi non avrebbe senso cambiare una decisione presa e motivata“. L’ennesima polemica, insomma, ha investito la nostra Nazionale alla vigilia di questi Europei 2012: un caso che vedrà la fine solo venerdì quando il nostro c.t. prenderà una decisione definitiva su chi farà parte della difesa azzurra.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *