Fabrizio Corona: nuova condanna a tre anni e dieci mesi

By on giugno 9, 2012
foto fabrizio corona

text-align: justify”>foto fabrizio coronaChe periodaccio per Fabrizio Corona. Non solo ha perso la compagna, quella fanciulla dolce e discreta che risponde al nome di Belen Rodriguez e che adesso si fa fotografare in tutte le salse (ma proprio tutte) con il nuovo baby fidanzato dal nasino rifatto Stefano De Martino, per quanto deve fare i conti con nuove grane giudiziarie.

Allora, facciamo il punto della situazione sennò ci si confonde. Eravamo rimasti alla condanna in secondo grado a un anno e due mesi per corruzione di una guardia carceraria e un’altra di cinque anni, sempre in appello, per una presunta estorsione ai danni di David Trezeguet. Adesso, fresca fresca, arriva una terza condanna dalla Corte d’Appello di Milano a tre anni e dieci mesi per frode fiscale e bancarotta fraudolenta, che si inquadra nel procedimento nato dal fallimento della sua agenzia fotografica Corona’s. Anzi, a Fabrizio è andata pure bene: in primo grado gli erano stati comminati quattro anni, quindi ha ottenuto una riduzione di due mesi.

corona-tribunale

L’inchiesta, coordinata dai pm di Milano Eugenio Fusco e Massimiliano Carducci, affonda le radici nel febbraio 2008 e a sua volta si inserisce nell’indagine della Procura di Potenza ribattezzata Vallettopoli. Tra il 2005 e il 2006 Corona avrebbe evaso le tasse per un totale di 3,8 milioni (ecco spiegata la “bella vita”) attraverso, appunto, la sua agenzia. Che poi è fallita nel dicembre 2009 (dalle sue ceneri è nata La Fenice, qualcuno dice che anche questa sia tutt’altro che cristallina ma non sta a noi metterci becco). In pratica, il giovanotto avrebbe rilasciato una serie di fatture false coinvolgendo anche un imprenditore genovese, Marcello Silvestri, che ha patteggiato la pena. La condanna a quattro anni di cui si diceva era stata emessa con rito abbreviato circa un anno fa, durante lo stesso procedimento che vedeva imputato anche l’agente Lele Mora, accusato di frode fiscale, attualmente dietro le sbarre e in attesa del patteggiamento (dovrebbe essere ratificato nei prossimi mesi presso il Tribunale di Bergamo). Insomma, per il momento Corona ha accumulato condanne per un totale di dieci anni. Su di lui, come se non bastasse, pende anche una richiesta della Dda di Milano di applicazione della sorveglianza speciale per 3 anni e sei mesi, perché ritenuto dalla procura socialmente pericoloso. In carcere, però, ancora non è andato. E’ invece in attesa dell’udienza per l’affidamento in prova ai servizi sociali.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *