Il trono di spade, stasera su Sky Cinema 1 il grande finale di stagione

By on giugno 8, 2012
Il trono di spade, stagione 2

text-align: center”>Il trono di spade, stagione 2

“Il trono di spade”, serie tv prodotta dalla HBO, sta battendo ogni record. La decima e ultima puntata, andata in onda il 3 giugno all’estero, è stata seguita da 5,2 milioni di telespettatori. Nondimeno, sta avendo un enorme successo anche in Italia (clicca qui per i particolari).

La versione televisiva prende fedelmente spunto dalla saga fantasy “Le cronache del ghiaccio e del fuoco” (in inglese “A song of ice and fire”), scritta da George R. R. Martin. L’autore è anche consulente della serie tv, e questo spiega in parte l’altissima qualità del prodotto. Il successo è dovuto anche ad una sceneggiatura avvincente oltre che ‘rispettosa’ dei romanzi, da un cast eccezionale, da ua scenografia imponente e sognante.

La storia della serie tv si è leggermente distaccata, nelle ultime puntate, da quella della saga ma – caso più unico che raro – la svolta è stata apprezzata anche dallo zoccolo duro dei fan. Merito allo staff, dunque.

Stasera su Sky Cinema 1 andranno in onda la nona e la decima puntata (le ultime). La guerra civile nei Sette Regni di Westeros imperversa più violentemente che mai nonostante la dipartita di uno dei pretendenti, Renly Baratheon, ad opera del fratello Stannis. Proprio lui, galvanizzato dal sostegno di Melisandre, maga proveniente dai confini del mondo, si prepara a invadere la capitale, protetta dal nipote Jeoffrey e dalla perfida regina Cersei.

Una scena de Il trono di spade

Nel frattempo Jon Snow, ranger dei Guardiani della Notte è stato catturato dai Bruti, in attesa di essere interrogato da loro re. Ad di qua della Barriera, il re nel Nord, Robb Stark, celebra il suo matrimoio con l’esotica Talisa, infrangendo i patti stipulati con un potente alleato. A seimila chilometri di distanza, Daenerys Targaryen, ultima superstite della sua stirpe (che ha governato per 300 anni) è alla ricerca dei suoi draghi, rapiti dalla stessa gente che la stava ospitano.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *