Le Iene aggredite da Luca Barbareschi: l’onorevole ruba un cellulare e rompe una camera

By on giugno 11, 2012

text-align: center”>Le iene aggredite da Luca Barbareschi

A rincorrere  i politici sono ormai abituati. Ma stavolta quelli de Le Iene si sono imbattuti in un furioso Luca Barbareschi, che indispettito dalla presenza del “Moralizzatore” del programma, intento a porgli domande sui suoi affari da produttore, ha distrutto una telecamere e rubato uno smartphone alla troupe guidata da Filippo Roma. E’ successo stamattina, quando l’inviato del programma di Italia1 si è presentato, con telecamere al seguito, sul set del film Mi fido di te, un serial per la Rai che Barbareschi sta girando sulla Tiburtina a Roma, ambientato per metà nella Capitale e per metà  in Cina. Una missione finita male, perchè ancora in serata, il set è presidiato dai Carabinieri. Cosa avrà scatenato l’ira di Barbareschi? ”Nessuna domanda strana o cattiva. Quello che posso immaginare – ha raccontato Filippo Roma ai microfoni dell’Ansa – è che molti politici avendo la coda di paglia appena vedono le Iene impazziscono e hanno una reazione smodata (…) Oppure ha qualcosa da nascondere. Io gli ho fatto una semplice domanda: ‘Complimenti stai portando il cinema italiano in Cina…’. Una domanda per cui e’ giustificabile un’aggressione fisica cosi’ veemente?

In una sequenza di foto pubblicate dall’Ansa (dopo il salto) si scorgono i risultati del turbolento incontro: ”Una telecamera ridotta in pezzi, un iPhone strappato a forza, mani in faccia e addirittura calci”, ha testimoniato Roma. A quanto pare la Iena non ha neanche avuto il tempo di porre domande a Barbareschi sui finanziamenti della Rai al suo film, nè di chiedere dei rapporti tra la tv di Stato e la sua casa di produzione Casanova: ”Ha aggredito l’operatore – ha dichiarato il Moralizzatore de Le Ienee gli ha strappato di mano la telecamera. Poi l’ha scaraventata per terra (…) riducendola in mille pezzi. A me ha messo la classica mano in faccia, quella forte. Non mi ha fatto male, ma mi aggredito fisicamente. Mi ha dato anche alcuni calci e mi ha allontanato. Poi, mentre stavamo andando via, ha nuovamente aggredito il nostro operatore, Marco Occhipinti, e gli ha strappato l’iPhone personale”.

ansa-aggressione-barbareschi-iene

A quel punto gli inviati del programma di Italia1 hanno pensato bene di chiamare i Carabinieri per denunciare l’aggressione e il furto del cellulare personale dell’operatore, mentre Barbareschi si è barricato nella fabbrica di via Giulio Verne, ai Monti Tiburtini, dove sta dirigendo il suo film. L’onorevole del Gruppo misto (già sostenitore di Fini ed esponente di Futuro e Libertà per l’Italia, e prima ancora pidiellino di ferro, ndr) ha reso  nota la sua versione dei fatti: “Oggi sono stato vittima di una vera e propria aggressione da parte di alcuni soggetti qualificatisi come inviati delle Iene, i quali muniti di telecamere, dopo essersi fraudolentemente introdotti sul set cinematografico del film ‘Mi fido di te’, malgrado già precedentemente respinti, mi hanno raggiunto nei locali dei servizi igienici dove mi trovavo“. Quella dipinta da Luca Barbareschi è una scena totalmente inversa rispetto a quella ricostruita dall’inviato delle Iene: “mi hanno irretito verbalmente e fisicamente tanto che ne è scaturita una colluttazione a seguito della quale la loro telecamera è andata in terra. Il tutto al cospetto dell’intera troupe. Dell’assurda vicenda sono stati informati i carabinieri e delle conseguenze se ne occuperà la magistratura“. Ma lo smartphone al povero Occhipinti l’avrà poi restituito? Per assistere alla sequenza bisognerà attendere settembre e il ritorno de Le Iene sugli schermi di Italia1. Sempre che qualcosa delle riprese si sia salvato…

Foto: Ansa.it

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *