Le stelle di Euro 2012: Mario Gomez

By on giugno 15, 2012
foto mario gomez nazionale germania

text-align: center”>foto mario gomez nazionale germania

All’indomani della vittoria perfetta ottenuta sull’Irlanda, occhi puntati sulla Spagna, vincitrice degli ultimi Europei (e degli ultimi Mondiali) che oltre a ottenere un buon pass per approdare ai quarti di finale con il 4 a 0 rifilato a Trapattoni, ha alzato il morale soprattutto dopo le incertezze messe in luce nella partita d’esordio con l’Italia. In ogni caso, i tifosi italiani sono ora costretti a tifare la formazione iberica per tenere alte le speranze di una qualificazione che poteva essere in parte conquistata anche ieri con la vittoria sulla Croazia. Ma niente da fare. Il risultato di 1-1 costringe la squadra di Prandelli a soffrire ancora, come è solito accadere ormai in questo tipo di manifestazioni. Se da un lato la Spagna ha acceso gli entusiasmi dei suoi tifosi, dall’altra c’è un’altra squadra pronta a dimostrare di essere grande. Data peraltro per favorita dai bookmakers per la vittoria finale, la Germania ha giocato l’altro ieri la sua partita con l’Olanda, vincendo per 2 a 1 con una doppietta di Mario Gomez, uno dei campioni di questi Europei 2012. Metà spagnolo e metà tedesco è attualmente l’attaccante di punta del Bayern Monaco e della nazionale. Potente fisicamente e molto abile nei colpi di testa, è temuto per il suo gran fiuto del gol e per i suoi allettanti assist in area di rigore.

foto-mario-gomez-gol-al-portogallo

La sua carriera comincia molto presto in varie piccole squadre di categoria, passando poi nelle giovanili dello Stoccarda nel 2001. Due anni dopo debutta nella squadra professionistica addirittura in Champions League contro il Chelsea e successivamente in Bundesliga, il campionato tedesco di serie A. Ma è nella stagione 2005-2006 che Mario Gomez è titolare della sua squadra con la quale gioca trenta partite segnando sei reti in campionato, due in cinque gare di Coppa UEFA e tre in Coppa di Germania. Nel 2007 si ferma per quasi tre mesi a causa della rottura di una mano e della lacerazione di un legamento del ginocchio, ma al suo rientro si fa subito notare portando lo Stoccarda tra le prime squadre del campionato. A fine anno sarà proprio la sua squadra a vincere lo scudetto con due punti di vantaggio sullo Schalke 04. Gomez viene pertanto nominato calciatore tedesco dell’anno e miglior calciatore giovane dell’anno. Nel campionato successivo realizza ben diciannove reti in venticinque presenze, mentre nel 2009 si trasferisce al Bayern Monaco per 30 milioni di euro. Il nuovo allenatore Louis Van Gaal non è entusiasta del giocatore che comunque segna nove reti in ventinove presenze. Nel campionato successivo, a causa degli infortuni di gran parte degli attaccanti del Bayern, Mario Gomez ha più spazio per dimostrare il suo valore: realizza una tripletta contro l’Hannover e segna i gol decisivi in Champions per la vittoria sul Cluj e soprattutto quella sull’Inter che vale l’andata degli ottavi di finale. Nella stessa stagione grazie al nuovo allenatore Andries Jonker diventa il capocannoniere della Bundesliga con ventotto gol. Nell’ultimo campionato, invece, segna ben quattro gol nella partita contro il Friburgo, mentre in Euro League è decisivo nelle gare contro il Manchester City e contro il Napoli. In nazionale, invece, Mario Gomez si è messo subito in mostra in questi Europei 2012 durante i quali ha segnato il gol vittoria contro il Portogallo nella prima giornata e ha realizzato la doppietta che ha steso l’Olanda nella seconda partita.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *