Mammoni, Luca Soddu da corteggiatore a licenziato perché gay

By on giugno 22, 2012
luca soddu corteggiatore mammoni italia uno

text-align: center”>luca soddu corteggiatore mammoni italia uno

“In Italia esistono varie giuste cause per poter licenziare un collaboratore/dipendente ma che una di queste cause fosse il programma “Mammoni – Chi vuole sposare mio figlio?” mi giunge nuova”: Questo è l’incipit con il quale Luca Soddu corteggiatore del docu-reality di Italia Uno racconta di un avvenimento accaduto non molto tempo fa e che lo vede discriminato sotto il punto di vista lavorativo. Stando a quanto racconta in una sua nota pubblicata sul suo profilo Facebook, il ragazzo è stato licenziato dalla Marketing & Comunicazione di Alvino Carmine per la sua partecipazione al reality in veste di corteggiatore omosessuale, cosa che quindi potrebbe ledere la reputazione dell’azienda rispetto ad attuali e futuri clienti.

Ma oltre al danno anche la beffa; nella nota infatti si legge che oltre ad esser stato sbattuto fuori senza una reale causa, il titolare dell’azienza sopra citata non vuole corrispondere a Luca Soddu nemmeno lo stipendio maturato nella mensilità di Aprile 2012. Nella nota si legge: “Da voci interne indiscrete di dipendente della Marketing & Comunicazioni sono venuto a conoscenza che il signor Alvino Carmine titolare della società non intende avere nessun rapporto di collaborazione con Luca Soddu in quanto gay dichiarato e riconoscibile da nostri clienti in sede lavorativa perciò non intende pagare lo stipendio. In queste settimane più volte sono stati i tentativi di contatto con questo soggetto dalla richiesta di appuntamento, nel presentarsi in sede, nell’invio di comunicazione scritta tramite raccomandata a/r e varie telefonate ma tutti i componenti dell’amministrazione si negano…“.

mammoni-concorrenti

Fatto disdicevole quanto increscioso che si va ad associare a quello avvenuto (ed esternato) settimana scorsa dal mammone Pierpaolo Lisca che è stato preso di mira da insulti abbastanza pesanti sui social network per questioni puramente futili. Fra Gay Pride bolognesi mai considerati da stampa e tv, Cecchi Paone e il caso “Gay in Nazionale” e l’omofobia dilagante, che prezzo bisogna pagare per vivere la propria sessualità in santa pace? 

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

6 Comments

  1. mauro merlino

    giugno 23, 2012 at 12:42

    E’ una vergogna continua e sosterremo Luca con tutti i nostri Mezzi.Mauro Merlino Vicepresidente Associazione Harvey Milk 3426250350

  2. mauro merlino

    giugno 23, 2012 at 12:47

    Chiedo alla Redazione di contattarci,abbiamo iniziato una dura protesta,non solo contro chi attacca e ghettizza i Gay ..come programma avete il dovere di tutelare questo ragazzo che non abbandoneremo!

  3. Alessandra

    luglio 4, 2012 at 16:17

    Che vergogna!!!!!!!!!!!! VERGOGNA ITALIA!!!!!!!! Altro che evoluzione della società… ma dove??

  4. Carmine Alvino

    marzo 13, 2013 at 12:42

    E’ stata fatta giustizia!!!
    Luca Soddu https://www.facebook.com/DragoHearts che diceva di essere stato licenziato perchè omosessuale dalla M&C il giudice ha rigettato ogni sua richiesta ritenendo che non ci fu mai il licenziamento contestato e infondata ogni illazione sulla persona del legale rappresentante e sulla M&C.
    La M&C si è sempre contraddistinta per una politica di assoluta indifferenza e neutralità rispetto agli orientamenti sessuali dei propri dipendenti e collaboratori, che non hanno mai costituito, né costituiscono o costituiranno per il futuro fattore di discriminazione alcuna. La M&C, infatti, annovera tra i suoi collaboratori persone di orientamento sessuale etero ed omossessuale, senza che tale diversità possa derivare o sia mai derivata alcuna conseguenza di sorta per i collaboratori medesimi.
    Grazie a tutti coloro che continuano a credere nella M&C

  5. Paolo

    marzo 28, 2013 at 01:34

    Spettabile Signora Alvino, lei titolare della M&C sa benissimo che non è stata rigettata per la motivazione che ha appena menzionato. Il fatto è un altro… pensi solamente che ben 11 dei suoi ex dipendenti sono citati come testimoni delle sue dichiarazioni in varie riunioni e nel momento in cui Luca è stato allontanato tanto che esiste anche una prova audio!

    Signor Alvino pensi ai 25 dipendenti che gli stanno facendo causa, alla donna delle pulizie che gli sta facendo causa per 2500 euro che dovrebbe darle pensi alle persone che stanno aspettando gli stipendi e che lei non vuole dare!

    Paolo Fumagalli

  6. Paolo

    marzo 28, 2013 at 01:53

    Ripeto: Signor Alvino perché e lei che ha commentato, mi chiamo Paolo Fumagalli la sto seguendo nei suoi commenti da demente! Ma lei legge i commenti sopra? la conoscono in tanti non solo Luca Soddu. Non canti vittoria su un qualcosa dove un giudice ancora non ha dato sentenza è stata solo formalmente rimandata l’udienza e la data. Ci pensa al fatto che ben 11 testimoni sono a favoro del Signor Soddu? Ci pensa che ben 25 dipendenti (ex) suoi l’hanno citata in giudizio? ma ci pensa che anche la donna delle pulizie ha dovuto citarla davanti a un giudice per prendere il suo stipendio? Lei è molto bravo a raggirare gli ostacoli ma stia pur certo che il suo sangue napoletano non funzionerà questa volta, la sua vena napoletana sarà tamponata da ben 27 persone e tutte rappresentate da avvocati davanti a un giudice. Si dovrebbe solamente vergognare nel commentare spavaldo questo articolo. Si renda conto che è un poveraccio, inutile parassita e meriterebbe la forca!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *