“Striscia non colpiva i maghi amici di Mediaset”: esulta il grande accusatore di Mediaset

By on giugno 30, 2012
Striscia la Notizia sotto accusa

text-align: justify”>Striscia la Notizia sotto accusaLe memorabili inchieste di Striscia La Notizia su Wanna Marchi e sul Mago Do Nascimento potevano essere replicate con altri protagonisti, ma chi pagava spazi pubblicitari a Mediaset veniva salvato: questa è la tesi del professor Giovanni Panunzio (ideatore dell’Osservatorio Antiplagio), tenace sfidante legale di Antonio Ricci nella battaglia per la “par condicio” dei maghi in odore di truffa. I giudici, dopo una lunga contesa durata anni, hanno adesso assolto Panunzio, chiamato in causa dai legali di Canale 5 per quella che Ricci e i suoi hanno ritenuto una grave diffamazione ai danni dello storico programma di satira e informazione d’assalto. L’accusa di fornire una corsia preferenziale, al riparo da inviati e telecamere” impertinenti”, agli inserzionisti del Mediavideo, mette pesantemente in discussione l’imparzialità della banda di Gabibbo &Co, apprezzati dal pubblico proprio per la capacità di supplire al vuoto d’informazione dei canali tradizionali, senza sconti né compromessi di sorta.

antonio-ricci-polemica-su-striscia

La fama di detective spietati nonché paladini dei cittadini-consumatori, conquistata in anni ed anni di controinformazione “con la schiena dritta”, sarà difesa ad oltranza dagli uomini di Ricci, per adesso trincerati dietro un silenzio “tattico” dopo l’inaspettato esito della causa. Dal canto suo, il grande accusatore di Striscia, promette scintille anche in futuro per dare seguito alla sua battaglia principale, con l’intento dichiarato di rendere la vita difficile al Tg satirico di Canale 5 ed a Mediaset di conseguenza. La posta in palio, ammesso che sia possibile avere un esito tale da potere celebrare una vittoria piena di una delle parti, è comunque alta, trattandosi di libertà d’informazione e di rigore professionale, al di là dei singoli casi sollevati in giudizio che pure andranno valutati con attenzione. A godere dei momentanei grattacapi di Antonio Ricci e degli autori vari, saranno in molti, essendo assai lunga la lista dei personaggi (più o meno noti, soprattutto maghi e imbonitori televisivi) finiti nel tritacarne impietoso di Striscia la Notizia.

Se tutti ricordano l’affaire Wanna Marchi, coi clamorosi sviluppi giudiziari a coronamento del lavoro di Ricci e compagni, vi sono tante “medaglie” nel palmares di Striscia che non potranno certamente essere intaccate dalla querelle col fondatore dell’Osservatorio Antiplagio, ma qualche punto di credibilità andrebbe perso se venissero ulteriormente confermati i sospetti di favoritismo verso i maghi e gli astrologi clienti degli spazi pubblicitari del gruppo Mediaset. In questi giorni, come se non bastasse, è ritornata d’attualità la polemica tra il Gabibbo italiano ed il suo “antesignano” statunitense (“Big Red”), con la Western Kentucky University pronta a festeggiare la probabile vittoria nella contesa legale che da quasi dieci anni l’oppone a Mediaset. Il doppio colpo ai danni di Striscia, probabile alla luce degli sviluppi processuali delle due controversie, costringerebbe Antonio Ricci ad uscire allo scoperto, per difendere e rilanciare la più cara delle sue “creature”.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *