Alessandra Amoroso: “Siamo tutte piagnone”

By on luglio 6, 2012
Alessandra Amoroso: siamo piagnone

text-align: center”>Alessandra Amoroso: siamo piagnone

Alessandra Amoroso è partita per gli Stati Uniti dove si fermerà per ben due mesi a studiare Gospel. Il sogno della cantante è quello di: “incarnarmi in Whoopi Goldberg in Sister Act.”  Alessandra non dimentica i suoi fan italiani e dice di amarli e maltrattarli a seconda della sua condizione. La Amoroso infatti non capisce ancora dopo tre anni come sia possibile che molti ragazzi la seguano, la aspettino fuori dagli alberghi e cantino a squarciagola ai suoi concerti per molte serate consecutive. “Amo i miei fan ma a volte li maltratto. Quando li vedo in un posto in cui canto per tre sere di fila, dico: “Ora andatevene a casa!” Sono un libro aperto”. La sincerità è però una dote di famiglia così come la sensibilità; Alessandra è infatti nota per avere la lacrima facile. La giovane si emoziona facilmente davanti alla folla: “Siamo tutte piagnone in famiglia: nonna, zia, mamma, e col tempo si peggiora! Quando sono di fronte al pubblico mi si stringe lo stomaco e a volte parte la lacrima. Piango per tutto, l’ho fatto anche per una puntata dei Simpsons!”. Magari New York la aiuterà anche a perfezionare questo lato del suo carattere.

alessandra-amoroso

Alessandra però non si affligge per le critiche infatti il suo fidanzato Luca, con cui è partita per gli Stati Uniti, la protegge dalle critiche e la aiuta a capire che non si può essere perfetti.  “Il mio fidanzato Luca è perfetto: mi protegge dalle critiche. Non sono mai contenta di me e il mio successo è merito di Maria De Filippi, del pubblico, della mia famiglia; poi vengo io.” Alessandra continua a studiare e a coltivare i suoi sogni; la giovane vuole incontrare Mina e salvarsi la vita da sola.

About Eleonora Sospetti

Nata nel 1994 ad Ascoli Piceno, studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bologna.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *