Falcone e Borsellino, RaiTre ricorda i due giudici con 1367-La tela strappata

By on luglio 19, 2012
oggi 19 luglio su rai tre 1367 la tela strappata

text-align: justify”>oggi 19 luglio su rai tre 1367 la tela strappata

Nel ventennale della strage di Via D’Amelio che costò la vita al giudice antimafia Paolo Borsellino e la sua scorta, verrà trasmesso oggi 19 luglio su Rai Tre il documentario 1367 – La tela strappata, del regista Giancarlo Licata che, attraverso una ricostruzione con materiale d’archivio di telegiornali Rai, racconta le 1367 ore  che trascorsero tra la morte nell’attentato  in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo  insieme agli uomini della scorta nell’attentato sull’autostrada Palermo-Punta Raisi nei pressi di Capaci e la morte di Paolo Borsellino e dei suoi poliziotti nella strage di via D’Amelio.

1367 ore che segnano inesorabilmente, la fine, l’oscuramente di una possibilità infatti l’Italia, grazie alle indagini dei due giudici avrebbe potuto davvero fare un grande passo avanti nei confronti di Cosa Nostra, ma anche questa occasione mancata ha segnato tutti i nostri libri di storia, facendo sprofondare nell’oblìo un periodo di grande riscatto morale e civile oltre che giudiziario. E proprio oggi 19 luglio, 1367 – La tela strappata andrà in onda alle ore 18 su Rai Tre e in replica in seconda serata alle 23:15 su Rai Storia, sul canale 54 del digitale terrestre.

borsellino-le-agende-rosse

Il regista Giancarlo Licata, giornalista Rai,  con il documentario 1367 – La tela strappata lintende ricordare le stragi di Capaci e di Via D’Amelio ricostruendo attraverso il materiale dell’epoca quei quei 57 giorni di 1367 ore che separarono l’assassinio di Giovanni Falcone del 23 maggio 1992  da quello del giudice Paolo Borsellino  avvenuto il 19 luglio dello stesso anno. E dopo 20 anni, nonostante un appiattimento morale (soprattutto per quanto concerne la situazione politica) ciò che emerge è un senso di risveglio concreto per una coscienza antimafia, attraverso associazioni e sindacati.

Non mancheranno nel documentario le polemiche relative alla participazione di politici come Craxi, Spadolini, De Mita, Occhetto, Oscar Luigi Scalfaro ai funerali di Falcone caratterizzato dalle parole disperate, ormai celebri, della vedova dell’agente di scorta di Falcone Vito Schifani, Rosaria che disse tra i singhiozzi: “Io vi perdono, ma voi vi dovete mettere in ginocchio, se avete il coraggio di cambiare”.

//

//

//

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *