Manuela Arcuri, la statua della discordia diventa giallo

By on
L'attrice Manuela Arcuri con alle spalle la statua in suo onore

text-align: justify”>L'attrice Manuela Arcuri con alle spalle la statua in suo onore

La bellezza statuaria di Manuela Arcuri continua a riservare colpi di scena, in particolare legati  alla statua eretta in suo onore a  Porto Cesareo in provincia di Lecce da un’idea dello show man Gianni Ippoliti nel 2002 che dopo le discordie iniziali è diventato un vero e proprio caso giudiziario al vaglio della Procura di Lecce. Edificata in onore della prorompente attrice come simbolo di fertilità e bellezza, la statua raffigurante la Dea Arcuri era stata rimossa nel 2010 a causa di numerose polemiche ma è stata riedificata lo scorso 8 luglio dalla nuova amministrazione.

Ebbene, dopo tante discordie e contese, la statua è attualmente al vaglio degli inquirenti poiché pare sussitano delle irregolarità sulla sua edificazione per cui sembra siano state violate le norme paesaggistiche su bene demaniale. E sono ben 6 gli indagati riguardo tale fattaccio tra cui  il sindaco di Porto Cesareo Salvatore Albano e altri amministratori che hanno provveduto a ricollocare la statua della bella attrice, lì dove era stata rimossa. Anche Manuela Arcuri è stata tirata in ballo in questa infinita bagarre e il prossimo 23 luglio dovrà recarsi in Procura perché convocata dal pm titolare dell’inchiesta Emilio Arnesano.

la-statua-di-manuela-arcuri

La denuncia, effettuata dal gruppo consiliare “Insieme per Porto Cesareo” con a capo l’ex sindaco che aveva provveduto a rimuovere la statua Vito Foscarini, mette infatti in risalto la possibilità che siano state praticate delle evidenti illegittimità nella collocazione della scultura, realizzata  in pietra leccese da Salvatino De Matteis in area demaniale. Collocata dapprima in piazza Nazario Sauro, la statua fu rimossa nel 2010 dall’ex sindaco ma con la nuova giunta comunale, la statua è tornata al suo posto con tanto di cerimonia inaugurale al cospetto della seducente attrice che per bellezza e procacità si era guadagnata un monumento davvero edificante. Ma la statua, più chiacchierata della celebre sirenetta di Copenaghen, potrebbe nuovamente essere rimossa dal suo piedistallo se saranno comprovate le norme di illegittimità riguardo la tutela paesaggistica.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *