Nomine cda Rai: ancora un nulla di fatto. Si vota di nuovo oggi

By on luglio 4, 2012
cavallo-rai

text-align: center”>Nomine Rai: fumata nera per elezione cda

La Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai si era riunita ieri per la seconda volta, insieme al presidente Sergio Zavoli, per eleggere 7 dei 9 consiglieri del consiglio di amministrazione della Rai (gli altri due membri sono già stati indicati dal premier Mario Monti), in attesa di rinnovo da diverse settimane. Ma ancora una volta è arrivata una fumata nera. In una serata convulsa, ben due votazioni sono state annullate: alla prima tornata è mancato un voto sui venti previsti, per una designazione erronea (era apparso il nome di Antonio Verri al posto di quello corretto e cioè Antonio Verro). Se la prima votazione fosse andata a buon fine,  sarebbero stati eletti tra i candidati Pdl, Luisa Todini, Guglielmo Rositani e Antonio Verro con cinque voti ciascuno (la soglia necessaria), per il Pd i nominativi scelti dalle associazioni Gherardo Colombo e Benedetta Tobagi e poi Rodolfo De Laurentiis (votato da Udc, Api e Liberali) e Flavia Nardelli (votata da Idv e Fli). Sarebbe rimasto fuori dalla rosa degli eletti, con quattro voti,  Antonio Pilati, candidato sostenuto dal Pdl e considerato ideatore della contestatissima legge Gasparri.

Quel voto espresso erroneamente ha invece annullato la votazione, provocando l’ira del commissario Flavia Perina (Fli), che ha avanzato sospetti sulla regolarità del procedimento: “L’esito della prima votazione era chiarissimo e aveva premiato una donna qualificata – sottolinea Perina riferendosi alla scelta di Flavia Nardelli e facendo notare come l’errore fosse stato considerato trascurabile finchè non è parso evidente che al termine dello scrutinio avrebbe vinto lei – La farsa delle votazioni ripetute è sconsolante. La gestione della Rai non può essere lasciata in mano ai bari“. Il presidente Sergio Zavoli ha dunque proceduto ad una seconda votazione, ma anche questa ha dato esito negativo.

benedetta-tobagi

Stavolta è mancato uno dei cinque voti necessari per la nomina proprio alla candidata Nardelli: una scheda bianca ha decretato la parità con quattro voti ciascuno tra quest’ultima e il candidato del Pdl Pilati. Una parità che, da regolamento, ha determinato l’annullamento della votazione, cui è seguito un nuovo rinvio ad oggi. L’intesa sui nomi del nuovo cda sembrava raggiungibile in seguito all’accordo tra Lega e Pdl per mantenere la maggioranza dei sette consiglieri da eleggere. Eppure in extremis il quadro è cambiato, con l’annuncio che il capogruppo leghista in Vigilanza, Davide Caparini, avrebbe votato scheda bianca facendo venir meno i voti necessari per eleggere i quattro consiglieri. Ora il Pd parla di commissariamento e la prova del nove sarà l’ennesima riunione di oggi della Commissione di Vigilanza: “a questo punto si deve procedere alle nomine, se c’è un’ impasse o la destra fa trucchi si commissaria – ha dichiarato Pierluigi BersaniOra basta: vediamo come va oggi ma bisogna andare ad esito altrimenti c’è una sola via“.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *