Rai, Anna Maria Tarantola eletta presidente

By on luglio 13, 2012
anna maria tarantola presidente rai

text-align: justify”>anna maria tarantola presidente raiDopo le nomine dei componenti del Cda Rai, ecco quella del presidente: la Commissione di Vigilanza ha dato il via libera, il ruolo di Anna Maria Tarantola è ufficializzato. I voti favorevoli sono stati 31 su 40 componenti della Commissione e nessun contrario, una scheda nulla e due bianche. Il quorum necessario era di 27 sì, ovvero i due terzi della commissione. I parlamentari dell’Idv e della Lega, come prevedibile, non hanno partecipato alla seduta. “Nell’affrontare questo impegnativo e delicato incarico – sono state le prime parole della neo presidente – ho ben presente la speciale natura dell’azienda Rai che le viene dall’essere anche servizio pubblico, condizione questa che richiede una particolare cura alla qualità del prodotto, alle competenze, alla cultura. Intendo esercitare tale mandato con equilibrio, indipendenza e trasparenza“. La premessa è buona, non c’è che dire. Resta da vedere se troverà riscontro nei fatti.

Il Pdl, tramite il capogruppo Alessio Butti, ha espresso chiaramente la propria posizione e i motivi che hanno portato a votare in modo favorevole. “Vigileremo sul rispetto della legge. Il Popolo della Libertà ribadisce la propria convinzione in materia di conferimento delle deleghe e poteri al presidente della Rai e di prerogative del Parlamento“.  Anche queste belle parole, di effetto. Intanto restano le voci secondo cui fra Monti e il Pdl ci sarebbe stata un’intesa precisa: il Consiglio, il presidente e il futuro direttore generale Luigi Gubitosi avrebbero competenza sulla materia editoriale (nomine per tg, reti, le strutture legate alla programmazione); il presidente e il direttore generale, d’altra parte, manterrebbe grossa libertà di azione relativamente alla materia economico-finanziaria. Il Pd, manco a dirlo, scalpita…

anna-maria-tarantola

Mentre la gente – è sbottato Bersani – sta vivendo i problemi che sappiamo, ho visto che il gruppo dirigente del Pdl si è mosso verso palazzo Chigi, ed è stato ricevuto, per discutere di Rai. Pesi e misure. Se il Pdl ritiene di essere il padrone della Rai, vorrá dire che il canone lo pagano loro“. Molto soddisfatti, invece, sia il presidente della Camera Gianfranco Fini che il presidente della Commissione di Vigilanza Rai Sergio Zavoli: “Da oggi – ha detto quest’ultimo – la Rai e il Servizio pubblico sono una realtà diversa“. Il prossimo step è la presa d’atto in Cda Rai, dove verrà anche formulata la proposta di nomina di Luigi Gubitosi.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *