Speciale “Film Cronaca” di Enrico Mentana: stasera su La7 va in onda “L’amore e basta”

By on luglio 30, 2012
foto-enrico-mentana-la7

text-align: justify”>

Continua la serie di speciali “Film Cronaca” curata dal direttore del Tg La7 Enrico Mentana, ormai sempre più protagonista del palinsesto della rete. Il ciclo di film e dibattiti introduttivi previsti per questa estate è composto da sette appuntamenti, per raccontare sette temi e le connesse storie italiane che li raccontano. Temi che meritano un approfondimento soprattutto perchè sono spesso snobbati dalla tv generalista e dai grandi mezzi di massa, o perchè l’attualità li riporta prepotentemente al centro della discussione pubblica. Mentana guida sapientemente il telespettatore in un percorso di conoscenza che conduce al film, attraverso le interviste ad ospiti in studio che introducono il tema della serata.

Così è stato per il primo di questi speciali, dedicato al misterioso delitto di Pier Paolo Pasolini: Walter Veltroni e lo scrittore Emanuele Trevi, hanno raccontato la figura dello scrittore italiano ricostruendo le circostanze del suo omicidio ancora irrisolte, soprattutto alla luce delle recenti dichiarazioni dell’unico colpevole accertato, Pino Pelosi, che in un altro programma televisivo (Storie maledette della Leosini su Rai3) ha recentemente dichiarato di non essere stato il solo presente la notte del delitto ad Ostia, raccontando una verità da sempre ipotizzata sulla base delle circostanze dell’omicidio, come raccontato dal film di Marco Tullio Giordana Pasolini – Un delitto italiano. E’ stata poi la volta del film Il divo di Paolo Sorrentino, introdotto da un dibattito in studio sul tema caldissimo della trattativa Stato-mafia all’epoca delle stragi, su cui stanno indagando i magistrati di Palermo che hanno chiesto il rinvio a giudizio per 12 persone tra politici ed esponenti di Cosa Nostra. Al lunghissimo speciale di Mentana, che praticamente ha fatto slittare il film in seconda serata, hanno partecipato l’allora Ministro Claudio Martelli (“Mi sono convinto che la trattativa non era l’eccezione ma la regola” ha dichiarato in studio), Nicola Mancino (per lui è stato chiesto il rinvio a giudizio per falsa testimonianza) e Pino Arlacchi. Infine lunedì 23 luglio è andato in onda in prima tv assoluta il film-documentario 148 Stefano – Morti dell’inerzia (prodotto in collaborazione con Il fatto quotidiano), dedicato al caso di Stefano Cucchi, il giovane romano morto in carcere in circostanze da accertare dopo essere stato arrestato per detenzione di stupefacenti. La sua vicenda è stata raccontata in studio dalla sorella Ilaria, che ha parlato di Stefano e dei suoi problemi senza nascondersi, ma affermando con forza l’esigenza di sapere la verità sulla morte del fratello e sull’ipotesi che sia stato percosso e lasciato morire senza cure. Stasera, per il quarto appuntamento, andrà in onda il film documentario in prima tv L’amore e basta di Stefano Consiglio. Anche stavolta il film sarà introdotto dall’approfondimento di Enrico Mentana.

enrico-mentana

Il film racconta storie d’amore di coppie omosessuali italiane e straniere che vivono le loro relazioni combattendo i pregiudizi e le ostilità che ancora resistono nella nostra società. Storie di “amore e basta“, come recita il titolo, che hanno diritto di essere vissute in piena libertà. Una galleria di interviste a nove coppie gay e lesbiche che il regista Stefano Consiglio ha messo insieme per raccontare la semplicità dei sentimenti e della vita quotidiana, illustrati dalla voce narrante di Luca Zingaretti che introduce il film recitando un testo di Aldo Nove, mentre i piccoli film d’animazion di Ursula Ferrara legano le varie storie. Anche Canale 5 sceglie un film sul tema dell’omosessualità per il prime time di stasera: sulla scia dei film di Luca Argentero riproposti a catena in questa estate, andrà in onda Diverso da chi?, con Argentero, Claudia Gerini e Filippo Nigro.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

5 Comments

  1. mauro merlino

    luglio 30, 2012 at 16:44

    Vi invio un nostro comunicato:Confronto Pubblico con Roberto Fiore(Forza Nuova)Basta con inutili provocazioni..ORA CI VUOLE UN SERIO CONFRONTO! In merito ai soliti striscioni omofobi da parte dei Militanti di Forza Nuova,L’Onorevole Paola Concia ha soltanto espresso il suo disappunto tramite stampa e l’Arcigay e’ assente..noi chiediamo un confronto pubblico che metta in chiaro una volta per tutte sia le nostre intenzioni che la posizione di questo Partito,ho invitato personalmente Roberto Fiore e attendiamo una sua risposta.Mauro Merlino Vicepresidente Attivisti Gay Harvey Milk.Grazie per Info 3426250350

    486466_114066488739423_607742781_n.jpg

  2. mauro merlino

    luglio 30, 2012 at 16:46

    Chiedo un confronto con Paolo Patane’ e non ho risposta..chiedo un incontro con Roberto Fiore e la Segreteria lo avvisa..e presto avro’ una sua risposta!Ergo che chi dovrebbe tutelare le Comunita’ Gay snobba e si nasconde..BENE!Prenderemo noi il comando perche’ l’Arcigay non e’ piu’ all’altezza!Ora affronteremo chi ci attacca con dialogo e serieta’! chiedo di essere contattato 3426250350

  3. mauro merlino

    luglio 30, 2012 at 16:47

    Vi invio un nostro comunicato:Confronto Pubblico con Roberto Fiore(Forza Nuova)Basta con inutili provocazioni..ORA CI VUOLE UN SERIO CONFRONTO! In merito ai soliti striscioni omofobi da parte dei Militanti di Forza Nuova,L’Onorevole Paola Concia ha soltanto espresso il suo disappunto tramite stampa e l’Arcigay e’ assente..noi chiediamo un confronto pubblico che metta in chiaro una volta per tutte sia le nostre intenzioni che la posizione di questo Partito,ho invitato personalmente Roberto Fiore e attendiamo una sua risposta.Mauro Merlino Vicepresidente Attivisti Gay Harvey Milk.Grazie per Info 3426250350 Chiedo un confronto con Paolo Patane’ e non ho risposta..chiedo un incontro con Roberto Fiore e la Segreteria lo avvisa..e presto avro’ una sua risposta!Ergo che chi dovrebbe tutelare le Comunita’ Gay snobba e si nasconde..BENE!Prenderemo noi il comando perche’ l’Arcigay non e’ piu’ all’altezza!Ora affronteremo chi ci attacca con dialogo e serieta’!

  4. mauro merlino

    luglio 30, 2012 at 18:47

    I locali gay promiscui devono chiudere i battenti? E’ questa la proposta avanzata nei giorni scorsi dai membri dell’associazione ”Attivisti Gay Harvey Milk” che al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al Presidente del Consiglio Monti chiedono espressamente di promulgare un disegno di legge atto alla chiusura dei locali frequentati da clienti omosessuali e promiscui, fra i quali vengono menzionate le saune, i Battuage e le dark room.

    A renderlo noto sono stati i membri dell’Associazione gay Harvey Milk, che si battono affinché l’odio contro le persone omosessuali possa essere cancellato una volta per tutte.

    “Fermare per sempre l’omofobia nel nostro Paese, fermare la pedofilia, la transfobia e il razzismo in tutto il mondo, avere i nostri diritti umani e civili, avere una legge contro il reato dell’omofobia, avere il diritto di sposare la persona che si ama, avere il diritto di adottare dei bambini”, sono questi gli obiettivi prefissi dall’associazione, che alle Forze dell’Ordine chiedono adesso un aiuto concreto affinché possano essere arginati alcuni spiacevoli fenomeni definiti “scandalosi”.

    All’interno dei locali “sotto accusa” si farebbe infatti un eccessivo consumo di sostanze stupefacenti, e sarebbero servite bevande alcoliche anche ai clienti minorenni. All’esterno inoltre avverrebbero continuamente episodi di brutale violenza, spesso ”provocati” proprio dall’orientamento sessuale dei clienti dei locali.

    “Chiediamo a voi alte cariche dello Stato di provvedere inoltre al contenimento, alla restrizione e all’eliminazione di siti web pornografici e chat, per la grandissima minaccia concreta e tangibile della pedofilia”, fanno sapere i membri dell’associazione, che dal canto loro si dicono pronti a cooperare “perché troviamo sia giusto e doveroso poter collaborare e camminare insieme per la costruzione di politiche sociali anti-discriminatorie”.

    “Se le nostre richieste di democrazia, libertà e tutela non saranno riconosciute e garantite dal nostro Governo e dalle vostre persone – fa però sapere Mauro Merlino, Vicepresidente dell’Associazione Harvey Milk – faremo un esposto all’Alta Corte Del Parlamento Europeo e all’Onu chiedendo il loro appoggio, aiuto e sostegno per mettere in mora questo Paese, visto che il nostro Governo rimane cieco e sordo di fronte alla legittima richiesta di diritti civili e umani”.

  5. ASSOCIAZIONE ATTIVISTI GAY HARVEY MILK

    luglio 31, 2012 at 00:01

    GUARDANDO IL PROGRAMMA QUESTA SERA BE NOI ASSOCIAZIONE ATTIVISTI GAY HARVEY MILK SIAMO RIMASTI UN PO DELUSI CI ASPETTAVAMO UN DIBATTITO COSTRUTTIVO MOLTO PIU’ DURATURO E COINVOLGENTE , NON E’ STATO POI COSI DEMOCRATICO AVERE SOLO L’ APPROCCIO E IL PARERE DI NICHI VENDOLA , CHE NON RAPPRESENTA LA GUIDA DELLA COMUNITA’ OMOSESSUALE ITALIANA NE IL SUO PORTAVOCE .
    VISTO CHE I PARLAMENTARI OMOSESSUALI ELETTI DAL ARCIGAY NON PENSANO HAI BISOGNI DELLA COMUNITA’ OMOSESSUALE MA SOLO HAI PROPRI INTERESSI , ALLA POLTRONA E AL PORTAFOGLIO , VISTO CHE DA PARLAMENTARI GODONO DEI DIRITTI E DOVERI CHE LA LORO POSIZIONE CONCEDE . IL PROBLEMA DI FONDO IN QUESTO PAESE E’ RAPPRESENTATO DAL ARCIGAY ASSOCIAZIONE OMOSESSUALE CHE NEL SUO CURRICULUM VANTA MOLTI REATI GRAVISSIMI UNA VERA E PROPRIA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE CHE HA DIVISO LA COMUNITA’ OMOSESSUALE LA CONFUSA E LUCRA CON I PROFITTI DEI TESSERATI E LA MERCIFICAZIONE DEI CORPI CON LOCALI OMOSESSUALI PROMISCQUI DOVE AL’INTERNO VIENE USATA VIOLENZA FISICA E PSICOLOGICA , DOVE NON SI SONO FATTE E REALIZZATE OPERE PER LA COMUNITA’ OMOSESSUALE MA SI E’ PENSATO SOLO A LUSSO PERSONALE ED OTTENERE UNA CARRIERA E UNA POSIZIONE E DOVE I SUOI ESPONENTI CHE DETENGONO IL POTERE HANNO SCAVALCATO LE NECESSITA’ E I PROBLEMI GRAVISSIMI INTERNI ALLA COMUNITA OMOSESSUALI PER CONCEDERSI AUTO SFARZOSE E VILLE DI RAPPRESENTANZA CON I SOLDI DEI TESSERATI .
    NON PARLIAMO POI DEL GAY PRIDE ARCIGAY IL FESTIVAL DEL IPOCRISIA E DELLA MISTIFICAZIONE , UN ESERCITO DI OMOSESSUALI CHE PRETENDE E VUOLE IMPORRE CHE IL GOVERNO GLI DIA CREDITO DIRITTI E DOVERI PRESENTANDOSI SUDATI NUDI E UBRIACHI E LIBIDINOSI, E CIO’ NON LI PORTERA MAI A NULLA SE NON UNA PESSIMA REPUTAZIONE DA PARTE DEI MEDIA , DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI , DEGLI ITALIANI .
    E PER CONCLUDERE NEL FILM ABBIAMO NOTATO CHE LE INTERVISTE ERANO UN PO VECCHIOTTE VISTO CHE SI PARLAVA ANCORA DI PACS POTEVA ESSERE PIU CARINO INSERIRE ANCHE QUALCHE COPPIA DI OGGI E INTERVISTE DI COPPIE OMOSESSUALI CHE VIVONO OGGI NEL 2012 SPOSATE CON FIGLI GRANDI DOVE POSSONO ANCHE I FIGLI PARLARE E DIRE LA LORO .

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *