Striscia la notizia ricomincia a settembre con Ezio Greggio e Michelle Hunziker. E Iacchetti?

By on luglio 1, 2012
Foto Ezio Greggio e Michelle Hunziker

text-align: center”>Greggio e Hunziker

Coup de theatre per la prossima stagione di Striscia la notizia, in partenza il prossimo settembre: ad inaugurare il telegiornale satirico per eccellenza saranno il veterano Ezio Greggio  – peraltro al lavoro quest’estate per setacciare le nuove veline – e udite udite, Michelle Hunziker, che dovrà a questo punto fare la spola tra Italia e Germania essendo impegnata come giurata di un talent show in terra teutonica, ovvero Das Supertalent, la versione germanica di Italia’s Got Talent. Ma come mai questo strano avvincendamento? Che cosa è successo a Enzo Iacchetti?

Niente paura, il signor Enzino non è stato escluso dalla grande famiglia di Antonio Ricci bensì riprenderà il suo posto solo a gennaio, dal momento che sarà impegnato fino ad allora con una tournèe teatrale. Dal momento che ci siamo occupati di lui di recente, dovrebbe trattarsi presumibilmente dello spettacolo Il vizietto, nel quale il comico di Luino tornerà a vestire i panni della drag queen dopo averli già indossati nell’esilarante video di Non sono Lady Gaga al fianco de La sora Cesira e di Platinette, ma sia chiaro, lo ha fatto per beneficenza. In teatro invece lo vedremo con il collega Marco Columbro, lasciato a parlare di fitness e mestruazioni su Vero Tv.

Per uno strano caso, anche l’ammiraglia Rai ha effettuato un curioso scambio tra i suoi due programmi dell’access prime time: ad inaugurare le danze in viale Mazzini subito dopo il confermatissimo Giuliano Ferrara – evidentemente non è facile smuoverlo dalla poltrona di Qui Radio Londra e in Rai mancano i fondi per comprare la gru adatta – sarà Max Giusti con Affari tuoi. Come potete notare, il comico romano non ha alcun futuro targato La7. Mentre ad un certo punto della stagione il gioco dei pacchi verrà sostituito da I soliti ignoti con l’inossidabile Fabrizio Frizzi.

ezio-greggio-e-michelle-hunziker

Vi sono dunque cause di forza maggiore e non desideri di rimescolare le carte all’origine di queste variazioni di palinsesto, anche se sarebbe stato più coraggioso da parte di Raiuno cercare di contrastare Striscia con un access prime time in maniera più coraggiosa. Qui Radio Londra fa crollare l’ammiraglia Rai ad un’imbarazzante 16 per cento e non è ammissibile che chi parta dopo di lui debba fare la corsa col fiatone per riportare il primo canale a livelli di ascolto decenti. In quest’impresa al massimo ci sarebbe riuscito solo Fiorello con il suo Viva Radiodue minuti, ma sicuramente con costi esorbitanti …

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *