Virna Lisi e Sabrina Ferilli, suocera e nuora unite contro la mafia in Baciamo le mani

By on luglio 3, 2012
Foto Sabrina Ferilli in Baciamo le mani

text-align: center”>Sabrina Ferilli in Baciamo le mani con Virna Lisi

Virna Lisi e Sabrina Ferilli tornano a condividere lo stesso set in Baciamo le mani, a distanza di undici anni dalla seconda serie de Le ali delle vita, la fiction in due puntate nella quale l’attrice romana interpretata una professoressa di canto, la signorina Rosanna Ranzi, alle prese con il coro femminile di un convento del Trentino gestito da Sorella Alberta, la terribile Reverenda Madre che disapprovando gli innovativi metodi dell’insegnante – introduzione di vivande nel convento, balli, musica profana (il valzer!)  – cerca di fare terra bruciata intorno a lei allontanando le alleate Sorella Adele (una mitica Marisa Merlini) e Sorella Celestina. La Ranzi arriva al limite della sopportazione ad un certo punto tentando di strangolare la suora al grido di “Tu sei pazza, tu sei pazza, tu sei pazza“.

Nonostante l’enorme successo di pubblico di allora e per quanto fosse a tratti inquietante a dieci anni di distanza quella fiction regalava delle perle di comicità involontaria, a partire dalla dizione arciromanesca della Ferilli o basti pensare alla scena nella quale sorella Celestina deve fare penitenza perchè non indossa la fascia di contenzione “ostentando le sue forme”: “Hai avuto desideri sessuali in questo periodo?” – le chiede imperterrita la Reverenda madre. E fa sorridere la scena in cui col convento libero le ragazze decidono di darsi alla trasgressione più sfrenata: “Ragazze, stasera ci guardiamo il Festival di Sanremo […] Però, questo Modugno non è male“. La fiction per la cronaca era ambientata negli anni Cinquanta.

Ma torniamo alla fiction Mediaset, di cui si è parlato esclusivamente per ragioni legate al gossip: Sabrina Ferilli è stata paparazzata col compagno di set Francesco Testi – ex gieffino – in atteggiamenti inequivocabili, scatenando le ire dell’attrice che nella vita è la compagna di Flavio Cattaneo, ex dg Rai. “Era una scena della fiction” – ha spiegato l’interprete. Peccato che difficilmente si giri la scena di una fiction alle due di notte nel chiuso di un giardino di un hotel bulgaro. A meno che con fiction non intendesse la sua storia con Cattaneo.

le-ali-della-vita

In Baciamo le mani ci muoviamo tra Sicilia e America, tra la fine degli anni Cinquanta e Sessanta. Ida (Sabrina Ferilli) vive nell’antica Trinacria assieme a suo figlio Salvatore – complimenti per l’originalità del nome – ed è costretta a scappare da Cesare Romeo, un boss locale che dopo aver ucciso il marito della donna ora vuole togliere di mezzo anche lei, temendo che la sua testimonianza possa incastrarlo in tribunale.  Negli Usa vive invece Agnese, vedova con 4 figli ormai adulti e padrona di una avviata macelleria sulla quale ha messo gli occhi il boss della zona. Ida sposa suo figlio e di qui le due storie si intrecciano. La lavorazione della fiction richiederà 25 settimane. Un vero kolossal.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *