Londra 2012. “Sesso e divertimento” al villaggio olimpico, parola di Ryan Lochte

By on agosto 3, 2012
Lochte campione sexy

text-align: justify”>Lochte campione sexyIl sesso non è proprio un tabù alle Olimpiadi londinesi, soprattutto per gli atleti statunitensi. La prima ad esporsi su questo scottante argomento è stata la calciatrice della nazionale femminile a stelle e strisce Hope Solo, con un “outing” sulle serate piccanti al villaggio olimpico che aveva stuzzicato la curiosità di cronisti e sportivi. Dopo qualche giorno il sassolino è stato raccolto e rilanciato da un altro componente della spedizione americana a Londra, Ryan Lochte, fresco campione dei 400 misti di nuoto, pronto a diventare una star anche fuori dalla piscina. Complice l’euforia per le ottime performance sportive che lo hanno collocato a ridosso del non più invincibile Michael Phelps, l’esuberante ventottenne newyorkese ha voluto offrire uno spaccato di vita da atleti olimpici destinato a far discutere: “Nel corso dei Giochi circa il 75% degli atleti fa sesso. Acqua passata, stando alle spifferate di diversi volti noti dello sport mondiale, le vecchie teorie sull’astinenza dall’attività sessuale alla vigilia delle competizioni sportive.

lochte-campione-olimpico-a-londra

Come se non bastasse, Lochte chiarisce lo stato d’animo di chi si trova, da protagonista assoluto, all’interno di un ambiente così stimolante come quello del villaggio di Londra 2012, una vera e propria miniera di tentazioni: Sono eccitato, anche perché ora sono single. Nelle precedenti Olimpiadi, a Pechino, ero fidanzato ma adesso è la mia grande occasione”. Non manca di certo la sincerità al grande rivale del pluridecorato Phelps, orgoglioso del fascino esercitato sul pubblico femminile dai “mostri sacri” dello sport, specialmente quando l’aspetto fisico non lascia a desiderare. Alle Olimpiadi di Londra 2012, del resto, il lato “sexy” dello spettacolo sta facendo la sua parte come ed anzi più del previsto, considerata la crescente attenzione di fotografi e giornalisti di tutto il mondo verso i volti e le forme più attraenti del circuito olimpico.

Discipline come il nuoto, sia in campo maschile che femminile, si prestano alla perfezione per divagazioni extra-sportive, essendo facile trovare campioni “da copertina”, già pronti a gestire al meglio la loro immagine da divi dello sport-spettacolo mondiale. La stessa Hope Solo, nonostante la non altissima percentuale di calciatrici prestate ai set fotografici per servizi a contenuto sexy, ama mostrarsi come icona sexy del pallone, dentro e fuori dai confini nazionali. Se sia vero o no che, in occasione di un grande evento sportivo internazionale, gli atleti (riprendendo le parole della numero uno della nazionale di calcio statunitense) “impazziscano e facciano tanto sesso”, sarà difficile saperlo, ma non è detto che la gara delle rivelazioni hot finisca qui.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *