“Mi chiamo città”: dal 9 agosto su RaiNews il programma dedicato alla riqualificazione urbana

By on agosto 3, 2012
foto mi chiamo citta rainews

text-align: center”>foto mi chiamo citta rainews

La riqualificazione delle città: è questo il tema del programma che RaiNews metterà in onda dal prossimo 9 agosto alle 23 e per otto puntate intitolato Mi chiamo città, diretto dalla storica dell’arte Marta Francocci e sviluppato in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Roma, INU – Istituto Nazionale di Urbanistica, Compagnia di San Paolo, Torino, Ance Genova e Comitato NaplEst Napoli. Attraverso alcuni passi fondamentali, il programma intende dare spazio al progetto di recupero, consumi, qualità e sviluppo del territorio urbano: saranno affrontati alcuni passaggi necessari e obbligatori per realizzare il tutto. A partire dalla prima puntata che si intitolerà Uso del suolo, recupero della città. Qualità, prezzi, offerta, bisogni non soddisfatti nel mercato immobiliare in Italia, seguita poi da altri temi: Le smart cities; Napoli; Torino; Roma: Centro Storico; Roma: i nuovi luoghi nati dall’ultimo piano regolatore; Roma: L’area metropolitana; Roma: La casa. Nel complesso le città al centro dell’inchiesta sono Roma, Milano, Torino, Napoli e Genova. Si provvederà a fare un giro complessivo delle città che svelerà ai telespettatori gli aspetti positivi e negativi dell’urbanistica attraverso le voci dei diretti interessati: architetti, costruttori e abitanti. Si studieranno peraltro le tendenze del momento facendo particolare attenzione alle buone pratiche e ai possibili errori. Naturalmente non si potranno mettere da parte le innovazioni e la tecnica, necessarie per il governo del territorio e la rigenerazione urbana, nonchè le strategie di contenimento del consumo di suolo e un occhio aperto alla nuova concezione di smart city.

foto-mi-chiamo-citta

L’idea principale di Mi chiamo città è quella di studiare da vicino il nesso che esiste tra la vita dei centri urbani e l’economia di un Paese, fondamentale per capire i punti forti su cui appoggiarsi per vivere al meglio e sviluppare le idee più adatte. Nel programma si farà attenzione ai problemi del traffico, presente soprattutto nelle grandi città, e di conseguenza al tasso di smog, all’uso dei mezzi pubblici e delle biciclette. I rifiuti, poi, saranno un argomento di grande interesse, e le tecniche di riciclo e/o recupero saranno l’ago della bilancia per esprimere un giudizio positivo o negativo sull’azione dei governi cittadini.

La prima città analizzata sarà proprio Roma, alla quale saranno dedicate ben quattro puntate. La Capitale, si sa, presenta diverse problematiche, tenute in sospeso da troppo tempo. Un centro storico ormai destabilizzato, periferie zeppe di centri commerciali, incapacità di tenuta degli investimenti, poche soluzioni collettive. Ne è un esempio Pietralata, quartiere da anni al centro della riqualificazione con dei progetti ormai abbandonati dal Comune. Per non parlare di Corviale, che nonostante la registrazione di 23 milioni di euro disponibili non è ancora riuscito a recuperare uno degli edifici più famosi della periferia capitolina. Mi chiamo città passerà poi a Torino con la riqualificazione di molte aree produttive abbandonate e la fine dei lavori del Museo Egizio, a Napoli con la realizzazione del campus universitario e la riqualificazione del territorio più inquinato, nonchè all’emergenza sociale, e a Genova con il suo progetto di smart city. Città, queste, che devono comunque fare i conti con problemi e cambiamenti tipici dei grandi centri abitati, con la gestione dei centri storici iperaffollati dai locali notturni e abbandonati dai residenti, con il mercato immobiliare alle stelle e con le nuove frontiere di coabitazione, composte spesso da nuclei familiari ridotti.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *