Olimpiadi Londra 2012: Squalificato per doping l’italiano Alex Schwazer

By on agosto 6, 2012
Alex Schwazer squalificato olimpiadi londra 2012 doping

text-align: justify”>Alex Schwazer squalificato olimpiadi londra 2012 doping

La spedizione italiana alla Olimpiadi di Londra 2012 procede bene, portiamo a casa un buon numero di medaglie fra armi bianche (fioretto, sciabola, arco) e armi da fuoco (carabina, tiro al piattello, ecc.) qualcosa di sgradevola doveva inevitabilmente accadere. Arriva una notizia sconvolgente dal Coni che annuncia di aver escluso per doping un atleta azzurro. Dopo attimi di suspance in attesa del nome, la notizia diventa ufficiale: ed esser stato squalificato è proprio il marciatore Alex Schwazer.

Schwazer aveva rifiutato di partecipare alla 20 km di qualche giorno fa a causa di un piccolo raffreddore ma avrebbe dovuto comunque a disputare la gara di sabato prossimo dei 50 km di marcia. L’ufficialità della notizia è stata annunciata in diretta tv dal giornalista Rai Franco Bragagna, che su Raisport ha dichiarato di aver parlato con l’allenatore dell’atleta, tale Michele Didoni, che in lacrime gli avrebbe detto che le voci sul doping di Schwazer erano fondate.

schwazer-alex-medaglia-d-oro

Il nostro marciatore italiano ha fallito un controllo antidoping della Wada, l’Agenzia mondiale antidoping e dunque Schwazer è risultato positivo all’Epo in un test effettuato lo scorso 30 luglio a Oberstdorf (in Germania), cittadina dove si allenava assieme alla sua compagna Carolina Kostner. “Era forse l’unico che poteva puntare a una medaglia…” ha commentato il giornale Fulvio Bianchi de LaRepubblica.it. Assieme al nostro atleta, è scattata l’espulsione anche per un altro atleta dopato, il Judoka Americano Nicholas Delpopolo.

Parlando di doping, si è urlato allo scandalo nei cofronti della cinese Shiwen ma il test risultò negativo.

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

2 Comments

  1. OK MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

    agosto 6, 2012 at 22:50

    Doping Olimpiadi Londra 2012 e a fare uso VOLONTARIO di droga purtroppo è un Italiano ! Che grande schifo !
    La vergogna nella corsa come prima in altri sport..i dopati continuano ad esserci portano via il posto ad i veri sportivi..infangano ugualmente sport e veri atleti NON drogati..ma per pochi NON onesti con se stessi e con gli altri, mettono in negativo anche chi non bara!
    NON sono veri atleti ma persone meschine drogate e NON sono scusabili!
    Va data a codesti o codeste NON oneste persone la medaglia perenne del disonore a vita!
    Onore invece a TUTTE le bravissime e altrettanto bravi atleti NON drogati che stanno portando l’Italia agli onori!Nuotando assai bene sia nell’oro,nell’argento e nel bronzo.(anche il 4 posto vale nei tuffi il podio)
    Un grande plauso va fatto anche alla terza medaglia di bronzo appena conquistata agli anelli disciplina atletica psico fisica di notevole difficoltà conquistando il podio dal bravissimo atleta Matteo Morandi.
    Sergio Morando.

  2. mavi

    agosto 7, 2012 at 15:39

    se non ricordo male il nuotatore brasiliano cielho, pur squalificato… gli permisero di partecipare a delle gare mondiali…non per polemica, ma questi ragazzi si preparano all’evento per quattro anni…e poi una banale influenza magari…alla nostra squadra è già successo alle scorse olimpiadi con la squalifica di Baldini,poi rientrata…e abbiamo visto tutti cosa è stato capace di fare…un’altra cosa che non mi piace è sentire anche da ex atleti che in Italia si è tutti “cecchini” solo perché le medaglie sono venute da sport come il tiro e/o la scherma…forse devono usare la concentrazione e i muscoli.Mi fermo qui.Ma almeno per sette volte l’inno di Mameli l’abbiamo sentito…scusate il mio nazionalismo…Mavi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *