Paolo Calissano si lamenta su “Vero”: “In Italia non mi fanno lavorare. Pago per i miei errori”

By on agosto 20, 2012

text-align: center”>Paolo Calissano allontanato dalla tv per il passato da cocainomane

Il mio allontanamento dalla tv italiana non è stata una libera scelta ma una costrizione. Non posso incolpare nessuno, fa parte del prezzo che devo pagare per gli errori commessi nella mia vita privata“. Così Paolo Calissano torna a parlare dopo anni di silenzio dalle pagine del settimanale Vero. L’attore dalla carriera stroncata racconta la sofferenza di dover rinunciare al sogno della recitazione per via del suo passato di tossicodipendente. Era diventato famoso con la soap opera Vivere, di cui fu protagonista sin dal primo episodio, ma che abbandonò dopo lo scandalo che lo portò in carcere. Forse non tutti ricordano la sua storia: non si trattò solo di una dipendenza dalle droghe, ma di una serie di eventi che lo allontanarono per sempre dal mondo dello spettacolo.

Nel 2005, quando Calissano era all’apice della popolarità televisiva dopo fiction di successo come Vento di Ponente su Rai2, finì in carcere per spaccio di cocaina: una vicenda dai contorni tragici, perchè una donna brasiliana morì per overdose nella casa genovese dell’attore e lui fu accusato di averle ceduto la droga. Non affrontò i quattro anni di carcere della condanna grazie all’indulto e ottenne dal giudice di scontare la pena presso una comunità per tossicodipendenti. Nel 2007 tornò a recitare a teatro nello spettacolo A un passo dal sogno, tratto dall’omonimo romanzo di Chicco Sfondrini e Luca Zanforlin (gli autori di Amici), grazie al supporto di Maurizio Costanzo che prese a cuore la sua vicenda. Ma nel 2008 un nuovo scandalo mise definitivamente la parola fine alla sua carriera: dopo un malore, gli accertamenti medici svelarono tracce di cocaina nel suo corpo. Una dipendenza dalla quale non era riuscito a liberarsi. Da allora non è più tornato su un set in Italia, ma non ha perso la speranza di ricominciare a recitare.

foto-paolo-calissano-arresto

Non farei più certe scelte sbagliate – ha confessato a Vero che riguardano la mia vita privata e che hanno danneggiato anche la mia sfera professionale. Ma non devo niente a nessuno perché gli errori che ho commesso li ho pagati tutti, e ora devo solo dare il meglio di me stesso per riconquistare il pubblico“. Innamorato di una donna che lo rende sereno, ma di cui non racconta nulla, Calissano ha fatto i conti con il suo passato e giura di aver chiuso un capitolo drammatico della sua vita. Con una nuova consapevolezza di se stesso, l’attore vuole reinventarsi come scenggiatore: “Sento l’esigenza di scrivere, ho deciso di proporre i miei progetti a vari produttori. Spero che uno dei tanti soggetti diventi una fiction“. Forse è il tentativo di chi, non potendo più metterci la faccia, prova ad esprimersi in un modo diverso. Almeno qui in Italia, perchè in Sud America ed Europa continua a lavorare come attore.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *