Il dg Rai Gubitosi sceglie Lorenza Lei alla Sipra. L’Idv insorge: “Scelta berlusconiana”

By on settembre 4, 2012

text-align: center”>Lorenza Lei alla Sipra. Nuove nomine in cda Rai

I lavoratori della Rai le avevano tributato un addio che più che un saluto era un insulto. Ora Lorenza Lei, l’ex direttore generale, potrebbe tornare ad occupare un ruolo di responsabilità nell’azienda: come si vociferava nei corridoi di Viale Mazzini qualche giorno fa, la manager sarà proposta come nuovo direttore generale della Sipra, la concessionaria pubblicitaria del servizio pubblico. Ad avanzare la sua candidatura è stato il neo-dg Rai Luigi Gubitosi, che ha poi avocato la presidenza della Sipra per se stesso, mentre nel consiglio di amministrazione saranno proposti i nomi dei tre attuali direttori di rete Mauro Mazza (Rai1),  Pasquale D’Alessandro (Rai2) e  Antonio Di Bella (Rai3), per un ruolo considerato non incompatibile con quello che già ricoprono.

Proposte che per la continuità con la gestione precedente, quella in capo al consiglio di amministrazionin mano al Pdl (ma anche adesso la situazione non è diversa), hanno già scatenato le prime reazioni forti, soprattutto dall’Italia dei Valori: “è stata scelta una berlusconiana di ferro” fanno sapere dal partito in merito alla ricollocazione di Lorenza Lei. Mentre l’esperto di comunicazione de La Repubblica Giovanni Valentini ha titolato il suo editoriale sul tema “Operazione sabotaggio“, in riferimento al piegarsi dei tecnici allo storico conflitto d’interessi che ha pervaso la tv pubblica. Una scelta, quella della Lei, che oltretutto si presenta come una contraddizione in termini: “licenziare il capo della filiale o della succursale (Aldo Reali, ad Sipra, ndr) e nel contempo promuovere l’ex dirigente della casa madre“.

viale-mazzini

Indicato dal premier Mario Monti insieme alla nomina della presidente Anna Maria Tarantola, Gubitosi ha manifestato da subito la volontà di rivedere i vertici dell’azienda che fornisce spot al servizio pubblico, visti gli scarsi risultati registrati in termini di fatturato. Nei primi mesi del 2012, la raccolta pubblicitaria Sipra aveva segnato meno 25% rispetto al meno 10% di Publitalia, dati sconfortanti seguiti da scivoloni clamorosi come quelli della mancata vendita di alcuni spazi pubblicitari durante gli scorsi Europei di calcio di Polonia e Ucraina. Uno scivolone che gli uomini della Sipra (quasi tutti vicini a Mediaset) pagheranno con un invito a lasciare la poltrona. Niente paura, per loro c’è già pronta un’alternativa. Insieme alle candidature per la Sipra, infatti, nel consiglio di amministrazione di mercoledì (il primo davvero efficace dal punto di vista della riorganizzasione della struttura aziendale) arriveranno anche un ventaglio di nuove nomine per le diverse divisioni Rai. Il direttore generale presenterà ad esempio quella di Eleonora Andreatta a capo della fiction, di cui peraltro era già capostruttura. La sua nomina andrebbe a sostituire l’ex direttore di Rai1, nonchè ex parlamentare di Forza Italia, Fabrizio Del Noce, avviato al pensionamento. Infine si discuterà anche dell’accorpamento di Rai News e Televideo affidato a Corradino Mineo, attuale direttore del canale all-news Rai.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *