Michele Santoro: “Speriamo che i tecnici non facciano la fine di Demattè. Fazio è pronto per Rai1, il mio posto è a La7”

By on settembre 4, 2012

text-align: center”>Michele Santoro parla della Rai dei tecnici

Michele Santoro parla della nuova Rai, quella dei tecnici e soprattutto della rivoluzione che Tarantola e Gubitosi starebbero per fare ai vertici dell’azienda. Parla a La Repubblica, intervistato da Goffredo De Marchis dice: “Adesso Monti è più forte ed è più forte anche il direttore generale della Rai. I partiti non danno segni di risveglio e i nuovi vertici si prendano i pieni poteri.  Ma se i tecnici a Viale Mazzini fanno solo tagli come capitò con i Professori, possono indebolire l’azienda.” La verità è che c’è aria di cambiamento, il pensionamento di Del Noce e l’addio di Reali da presidente della Sipra segnerebbero sicuramente un segno di discontinuità rispetto al passato anche se il giornalista salernitano dice: “Resto in posizione di attesa, non sono chiari tutti i movimenti che leggo sui giornali. Eleonora Andreatta è una persona stimabile, ma non so se abbia l’esperienza necessaria per guidare Raifiction”. Santoro si era proposto con Carlo Freccero per guidare in tandem la Rai, se da una parte spera nella Rai dei tecnici dall’altro li teme: “A me viene in mente il cda dei Professori. Volevano tagliare ma sul piano editoriale, sulle scelte del prodotto, non era attrezzati”.

foto-michele-santoro-e-carlo-freccero

“Ricordo che Demattè e Locatelli piazzarono Angelo Buttiglione al posto di Creme Caramel, uno dei programmi di Pingitore. Fu un disastro e dovettero ripristinare il palinsesto in corso.” Le sue posizioni non sembrano molto distanti da quelle di qualche mese, guarda però con interesse l’approdo di Fabio Fazio a Sanremo: “Secondo me Fazio è maturo per dare una svolta a Rai1 senza confinarlo al solo Sanremo. Tarantola e Gubitosi avranno il coraggio di fare una scelta del genere?” Capitolo Servizio Pubblico. Dopo il debutto non proprio entusiasmante di Piazzapulita, Santoro prepara il suo debutto su La7 che arriverà il 25 ottobre e su domanda di De Marchis chiude momentaneamente le porte alla Rai:  “Abbiamo dimostrato di poter vincere una scommessa: confezionare un prodotto da soli che non è solo tv, è molto altro. Vendiamo il programma a La7 che lo trasmette, lo sfrutta, ma dopo i diritti tornano a noi. Siamo sul mercato. Ma adesso il nostro posto è su La7 da ottobre.” Cosa pensate della Rai dei tecnici? Ci sarà la rivoluzione o resterà tutto uguale?

About Giuseppe Candela

Nato a Nocera Inferiore(Sa) si è laureato in Scienze della Comunicazione con una tesi sulla comunicazione politica dal titolo “Pop o Papi? Vizi privati e pubbliche virtù. L’assenza-essenza dei media”. Si sta specializzando nell’ambito televisivo. Appassionato di calcio, di politica e soprattutto del piccolo schermo, ha collaborato e collabora con tv e giornali locali. Da settembre 2009 è opinionista a “Domenica in L’Arena” su Raiuno. Ha scritto e condotto eventi che hanno avuto risonanza nazionale. Guarda con occhio critico la televisione senza nessun pregiudizio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *