Pierdavide Carone: “I fischi ad Amici erano per Belen, adesso penso alla recitazione”

By on settembre 8, 2012
pierdavide carone intervista belen stefano lucio dalla recitazione

text-align: justify”>pierdavide carone intervista belen stefano lucio dalla recitazione

Tornano a far parlare di loro gli ex concorrenti di “Amici di Maria De Filippi” in attesa della nuova edizione che, come ben sapete, tarderà ad arrivare. Questa volta però non ci occuperemo della solita liason fra Emma, Belen e Stefano ma di Pierdavide Carone che, a quanto pare, ha qualche sassolino nella scarpa proprio nei confronti della bella Argentina. Al quotidiano Libero ha rilasciato un’intervista nel quale dichiara: “Alla terza puntata (di Amici Big, ndr.), ho cantato L’anno che verrà, in omaggio a Lucio Dalla: a fine esibizione, Maria ha lasciato che spendessi due parole per ricordarlo ma il pubblico ha cominciato a fischiare. In effetti, mi sono reso conto che non ce l’avevano con me, ma con la coppia che avrebbe ballato di lì in poco (Belen Rodriuguez e Stefano de Martino, ndr.). Io sono un purista della musica, faccio un altro lavoro e mi dispiace essere ignorato dal pubblico...”.

Come mai si sia ricordato così tardi di questo particolare non lo sappiamo, quello però che possiamo dare per certo è che a Carone piacerebbe sperimentare altri tipi di arti sceniche, magari diventare attore. “Vorrei cimentarmi nella recitazione: il cinema mi affascina, spero mi arrivino delle proposte...“. Così facendo lancia un amo sperando che qualche regista o sceneggiatore prenda a cuore la sua causa sperando che, ancora una volta, non tiri in ballo la sua amicizia con Lucio Dalla.

pierdavide-carone-sanremo

L’intervista dall’aria un po’ polemica abbraccia altri temi musicali, in particolar modo la prossima edizione del Festival di Sanremo. Pierdavide di Amici dichiara infatti di non essere molto d’accordo con il papabile nuovo regolamento imposto dal prossimo conduttore della kermesse canora Fabio Fazio: “Ho letto dichiarazioni che non mi sono piaciute. Temo che il conduttore del prossimo Festival di Sanremo possa snobbarmi solo perché vengo da un talent show: Fazio è libero di fare di tutta l’erba un fascio, ma io non lo trovo giusto...“.

E’ chiaro, al momento nessuna regola contro i talent è stata messa nero su bianco ma… che ne dite di una gara tranquilla senza figli del televoto? Vi ricordo che in ordine temporale il Festival è stato vinto da Emma Marrone (2012), Valerio Scanu (2010) e Marco Carta (2009).

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

2 Comments

  1. agata

    settembre 13, 2012 at 14:35

    GIGI D’AQUINO non ti conosco e neanche voglio conoscerti,dimmi in quale occasione carone ha tirato in ballo senza gli fosse chiesto lucio dalla poi anche se l’avesse fatto non credi che un giovane cantautore possa sentirsi lusingato di essere apprezzato nientemeno che da ludio dalla?sei il solito giornalaio (giornalista mi sembra eccessivo)che sputa sentenze senza neanche conoscere la musica e la persona che critica,ovviamente deviando anche il senso delle parole.per la cronaca non sono una ragazzina invasata ma ho superato gli anta e sono cresciuta con la musica dei cantautori e carone fa parte a pieno titolo della categoria

  2. Una fan

    settembre 13, 2012 at 15:56

    Il signor(ino) D’Aquino probabilmente vorrebbe vantare amicizie altrettanto importanti, vista l’evidente invidia che prova per Pierdavide. Sarà il fatto che sono coetanei, o che provengono dalla stessa terra, a far pensare a questo giornalaio (quello del giornalista è un mestiere degno di rispetto) di poter sputare su chi ce l’ha fatta a differenza sua?
    Lasciando aperte entrambe le ipotesi, ricordo all’autore di questo pseudo-articolo che Pierdavide Carone è stato L’UNICO a non partecipare a nessun talk-show, programma commemorativo, tributo televisivo da salotto dopo la morte di Lucio Dalla, malgrado i numerosissimi inviti ricevuti. Viceversa, si è impegnato nel suo lavoro come ha sempre fatto, senza approfittare del “testimone” lasciatogli in eredità dall’indimenticabile Lucio. Da dove venga dunque la convinzione che Carone utilizzi le sue amicizie per farsi strada, non è dato saperlo. Probabilmente l’autore si confonde con le onnipresenti Emma e Alessandra, che grazie all’amicizia di Maria De Filippi continuano ad ammorbare il mondo della musica italiana, o con il signor Carta… invitandolo ad informarsi meglio prima di scrivere scemenze, auguro al signorino D’Aquino di imparare la prima regola per un vero giornalista: L’IMPARZIALITA’. Saluti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *