Quarto Grado, anticipazioni 14 Settembre: riflettori sull’omicidio che ha sconvolto Milano

By on settembre 13, 2012
Quarto Grado, le inchieste di Rete 4

text-align: justify”>Quarto Grado, le inchieste di Rete 4L’inquietante episodio di cronaca nera consumatosi pochi giorni fa in via Muratori a Milano sarà uno dei temi centrali di Quarto Grado, giunto alla seconda puntata della nuova stagione. Due coniugi uccisi con modalità estremamente feroci (una vera e propria esecuzione), forse per motivi legati al traffico e consumo di stupefacenti, in una città solitamente tranquilla ma che adesso teme un’inedita stagione di violenza. Mentre gli inquirenti muovono i primi passi nella ricerca del movente, su tv e giornali non solo del capoluogo lombardo si prova a contestualizzare l’efferato delitto del 10 Settembre scorso.

“Nessun allarme” secondo il prefetto Gian Valerio Lombardi, pronto a rassicurare la cittadinanza sull’avanzamento delle indagini, incentrate sul filone della droga e degli affari condotti dall’imprenditore Massimiliano Spelta e dalla moglie Carolina Ortiz Payano. All’esame degli investigatori ci sono attualmente diverse ore di filmati delle telecamere di sorveglianza e qualche testimonianza ottenuta nei giorni seguenti al delitto. Per capire qualcosa in più sul duplice omicidio, Salvo Sottile e Sabrina Scampini interrogheranno i loro ospiti e metteranno sul tavolo ogni elemento significativo finora emerso, a partire dalla particolare dinamica dei fatti, di per sé indicativa del modus operandi dell’aggressore.

documento-esclusivo-a-quarto-grado

Quarto Grado continuerà a seguire l’evoluzione dell’inchiesta sulla morte della tredicenne di Brembate Yara Gambirasio, altro mistero complicato col passare del tempo dalle troppe zone d’ombra incontrate dalle autorità competenti per le indagini. Il cantiere di Mapello, secondo recenti acquisizioni investigative basate sul ritorno alla pista indicata dai cani molecolari originariamente, è lo scenario dove probabilmente ha avuto luogo il delitto, ma la delusione dei familiari per il “lavoro incompleto” della Procura rende l’idea della problematicità del caso. Molte delle domande sulla scomparsa di Yara sono ancora prive di risposta, nonostante iniziative forti (come i prelievi del dna disposti nelle zone limitrofe) e la considerevole mole di materiale accumulato dalla Procura di Bergamo in questi mesi.

Assai recente e per questo in parte inesplorata è la vicenda di Sveva Taffara, ventiseienne di Settimo Torinese rinvenuta priva di vita alla fine di Agosto all’interno di un pozzo a Barile, nelle campagne del potentino. Nel corso del programma, sempre in diretta dallo Studio 1 del Centro Palatino di Roma, saranno riprese vecchie vicende irrisolte, come l’omicidio di Serena Mollicone del 2001, del quale si è occupato come perito di parte (del padre Guglielmo, lambito dai sospetti per un periodo limitato) il generale Luciano Garofano dei Ris, ospite fisso della trasmissione curata da Siria Magri anche in questa edizione. L’appuntamento con Salvo Sottile e le inchieste di Quarto Grado è per le 21,10 su Rete Quattro.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

One Comment

  1. SHATZELE

    settembre 14, 2012 at 13:50

    E, come si dice dalle mie parti, non è stato un omicidio a “ufo”!! Hanno tirato dove c’era da tirare, dove il marcio allignava, se poi…….nel prendere il colpevole hanno preso anche l’innocente……prima di tutto è da vedere e ancora poi bisogna guardare dove si mettono i piedi quando si instaurano delle relazioni durevoli. Non si possono sposare cani e porci. Si potrebbe incorrere in situazioni similari!!! Mi dispiace tantissimo per queste due persone che hanno trovato la morte in questa maniera spaventosa ma…….. Ma, penso con una chiarezza lucescente che i signori “Brambilla”, quei signori che fanno parte del tessuto milanese, quelle sane persone che fanno una vita regolata ed onesta non abbiano nulla da temere dai delinquenti che sparano per ammazzare CHI!!!! I malfattori se la vedono fra loro a meno che una pallottola vacante non abbia a colpire qualche innocente. La paura ci viene inculcata il più delle volte dalla classe giornalistica e da questi programmi truculenti che hanno come capostipite proprio QUARTO GRADO!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *