Rai: Luigi Gubitosi ha voglia di rivoluzione

By on settembre 2, 2012
Luigi Gubitosi

text-align: justify”>Luigi GubitosiIl direttore generale della Rai Luigi Gubitosi comincia a piacerci sul serio. Già la nostra simpatia nei suoi confronti è aumentata nell’arco della scorsa settimana, quando questo manager di lungo corso ha varcato la soglia degli studi di Unomattina e puntato il dito contro l’abbondante pubblicità occulta presumibilmente tanto cara alla bionda Susanna Petruni. Poi s’è saputo di quei due dirigenti del settore acquisti che, come riferisce anche Il Fatto Quotidiano, “in pieno agosto sono stati ‘gentilmente invitati’ a dare le dimissioni“.

Ma il bello, evidentemente, deve ancora venire. Eh sì, perché pare che il dg abbia preso di mira i vertici di Sipra, ovvero la concessionaria di pubblicità della Rai. Il prossimo 5 settembre, durante la runione del Cda, insieme alla presidente Anna Maria Tarantola comunicherà la decisione di mettere in atto un ‘bel’ cambiamento. Il primo a dover salutare sarà l’amministratore delegato Aldo Reali, “considerato – scrive Il Fatto – dai nuovi vertici Rai il principale responsabile del buco di bilancio di Sipra“.

aldo-reali

In seconda battuta, con ogni probabilità, sarà congedato Roberto Sergio, il presidente di Sipra, dopo toccherà forse a Roberto Sergio, il presidente, e a tutto il consiglio di amministrazione della società, “di cui fa parte anche Mauro Miccio, un ex consigliere Rai da sempre vicino al Cavaliere“. La decisione di Gubitosi è direttamente proporzionale al recente operato della Sipra: “agli ultimi Europei di calcio Sipra si era ‘dimenticata’ di vendere gli spot sui calci di rigore delle semifinali e prima degli Europei, nei primi mesi 2012, la raccolta aveva segnato meno 25% rispetto al meno 10% di Publitalia“. Il posto di Reali dovrebbe essere preso da un amministratore delegato esterno, mentre la presidenza potrebbe essere affidata all’ex direttore generale della Rai Lorenza Lei.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *