Servizio Pubblico torna il 25 ottobre su La7 ma non rinuncia all’indipendenza, alla multipiattaforma e alle donazioni

By on settembre 5, 2012
Michele Santoro torna con Servizio Pubblico

text-align: justify”>Michele Santoro torna con Servizio Pubblico

In attesa di una nuova stagione su La7 che inizierà ufficialmente il prossimo 25 ottobre, la redazione di Servizio Pubblico è stata letteralmente inondata dalle mail dei propri sostenitori proprio perché preoccupati di questo cambiamento di rete che apparentemente potrebbe compromettere l’indipendenza della trasmissione televisiva nata dalle ceneri di Anno Zero e che al suo esordio l’anno scorso in modalità multipiattaforma, ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nel palinsesto televisivo ordinario.

E proprio per rispondere alle interrogazioni dei sostenitori di Servizio Pubblico e ai 100.000 donatori che hanno permesso alla trasmissione di raggiungere la soglia di 27 puntate, Giulia Innocenzi, collaboratrice di Michele Santoro nonché presidente dell’Associazione Servizio Pubblico, in un videomessaggio ha risposto alle tante perplessità dei sostenitori della trasmissione garantendo di non poter ormai rinunciare all’indipendenza, alla modalità multipiattaforma e alle donazioni che hanno permesso a Servizio Pubblico di accendere le luci dello studio di Cinecittà così come di puntare le telecamere sull’attualità riguardante l’Italia intera. Ma vediamo quali sono i punti imprescindibili della nuova edizione che verrà trasmessa su La7 dal 25 ottobre…

foto-servizio-pubblico-diretta-streaming

Grazie al progetto di Servizio Pubblico abbiamo acquisito la nostra indipendenza – afferma Giulia Innocenzi nel suo videomessaggio –  saremo noi gli unici proprietari dei contenuti e agiremo in completa libertà, con l’unico dovere del rispetto delle leggi. Il rapporto che avevamo con le emittenti l’anno scorso rimarrà immutato quest’anno, con la differenza che La7 ci permette di rivolgerci a una platea potenzialmente più ampia”. Per quanto riguarda invece l’esperimento della multipiattaforma, la Innocenzi assicura che andrà avanti e “Grazie all’approdo a La7 -afferma – saremo liberi da molte delle preoccupazioni dello scorso anno legate alla messa in onda, e oltre a continuare lo streaming sul nostro sito in collaborazione con il nostro partner Il Fatto quotidiano, ci cimenteremo in nuovi esperimenti per implementare la multipiattaforma e la tv su internet”. Insomma, a quanto pare la nuova stagione di Servizio Pubblico non avrà ripercussioni sulla qualità e l’indipendenza della trasmissione che conserverà interamente la propria politica di indipendenza che ha  successo e la novità della prima edizione e per questo risultano dei fattori assolutamente imprescindibili nonostante il passaggio ad una rete generalista.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *