Sgarbi sbrocca a VeroTv (video): pesanti insulti a Barbacetto e al Movimento 5 Stelle

By on settembre 12, 2012
foto-sgarbi-barbacetto

text-align: center”>Sgarbi show contro Barbacetto: "finocchio"

Alle sparate di Vittorio Sgarbi siamo abituati, tanto che quasi non fanno più notizia. Ma quella di ieri a VeroTv ha davvero dell’incredibile per toni e appellativi utilizzati. Ospite del talk show condotto da Marco Columbro, Sgarbi ha avuto un duro scontro con lo scrittore e giornalista del Fatto Quotidiano Gianni Barbacetto, reo di avere criticato il suo operato politico. Secondo il giornalista, l’ex sindaco del comune di Salemi, sciolto per infiltrazione mafiosa, non è altro che un vecchio arenese della politica che cerca di riciclarsi: uno che fa parte della “vecchia casta” dal 1992 e che oggi si reinventa una maschera per restare al potere. Il riferimento è alla sua nuova creatura politica, il cosiddetto Partito della Rivoluzione, un altro, l’ennesimo tentativo di rimanere al centro della scena cavalcando l’onda dell’antipolitica.

Sgarbi si scalda subito rivendicando i suoi successi a tutela di beni pubblici come il Teatro Petruzzelli di Bari e il Porto di Trieste, ma subito la discussione passa dal piano dei fatti a quello personale, come sempre, d’altronde, quando si ha di fronte un interlocutore come lui. Il critico attacca subito Barbacetto con la solita litania di insulti a sfondo animalesco (“capra ignorante, vai a casa“, ormai un classico del suo repertorio), per poi degenerare in maniera definitiva qundo il giornalista lo accusa di assenteismo (“hai una faccia di m***, racconti balle come il tuo giornale di m****“). Finchè Sgarbi sbotta e se la prende perfino con Beppe Grillo, reo di essere stato condannato per omicidio (la sentenza riguarda un incidente stradale causato dal comico in cui persero la vita tre persone, ndr), e poco dopo il suo Movimento 5 Stelle, che sarebbe fatto di “coglioni come Barbacetto“. Ma il livello più basso della diatriba deve ancora arrivare (il video dopo  il salto, ndr).

Sgarbi torna all’attacco di Barbacetto con i soliti riferimenti sessuali usati come insulti, definendolo senza mezzi termini un “finocchio“. Un momento che culmina nella risposta ironica, ma non certo elegante, di Barbacetto, che ribatte con un “portami tua sorella, si direbbe in questi casi“. E poi la controrisposta del politico che per decenza non riportiamo. Insomma, il meglio e il peggio di Sgarbi in pochi minuti. Ma non è questo il solo exploit dell’ex sindaco di Salemi, che in questi giorni ha avuto un altro confronto piuttosto vivace. Raggiunto da un’accusa di atti osceni in luogo pubblico a causa di un costume troppo “rivelatore” sfoggiato in vacanza in Sicilia, Sgarbi si è reso protagonista anche di uno scontro radiofonico con un altro esperto d’arte, pure lui fumantino come pochi, il fotografo Oliviero Toscani. Uno scambio di battute che dire ineleganti è dir poco: “Ha finito col sesso da tanto tempo, è coitus interruptus, non ci arriva proprio. (…) A me non me ne frega se Vittorio Sgarbi è impotente o no, dicono così. E non dice più cose intelligenti, sta perdendo anche quelle – ha attaccato Toscani, seguito dalla pronta risposta di Sgarbi – “Toscani dice che sono impotente perché ha delle pulsioni omosessuali. È un cocainomane“. Insomma, che sia in radio o in tv, lo Sgarbi-show non smette mai di stupire.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *